venerdì, Ottobre 15, 2021
Home > Marche > Porto Recanati: frammenti ossei di adolescente, ma i corpi sono almeno due

Porto Recanati: frammenti ossei di adolescente, ma i corpi sono almeno due

< img src="https://www.la-notizia.net/porto-recanati" alt="porto recanati"

Proseguono le ricerche a Porto Recanati, dove, vicino all‘hotel House, sono stati rinvenuti frammenti ossei e resti umani. Ci sono diversi elemetni che afnno pensare che alcuni dei resti possano appartenere a Cameyi Mossammet, la 15enne bengalese scomparsa da Ancona la mattina del 29 maggio 2010. La giovane doveva andare a scuola ma non arrivò mai in classe. In relazione alla sua scomparsa erano state formulate diverse ipotesi tra cui anche quella relativa ad un sequestro finito tragicamente. Venne vista l’ultima volta nei pressi dell’Hotel House con il fidanzato.

La Procura ha aperto un’ inchiesta a carico di ignoti per omicidio ed occultamento di cadavere. Dalle prime risultanze investigative è emerso che è possibile ci sia, nel luogo del rinvenimento, una sorta di cimitero degli invisibili. Sono circa una quarantina, finora, i frammenti ossei ritrovati e almeno due i corpi a cui appartengono. La vicenda riporta all’attenzione la questione del degrado all’Hotel House.

Il Garante regionale per i diritti, Andrea Nobili, parla di vera e propria “emergenza nazionale”, per la cui soluzione è indispensabile un impegno corale delle istituzioni. Le notizie delle ultime ore, con il ritrovamento di ossa umane in un pozzo nella zona dove è ubicata la struttura, “rafforzano questa nostra convinzione – sottolinea Nobili – e ci impongono di lanciare un appello affinché vengano adottate decisioni atte a fornire risposte oculate, sia pure di carattere progressivo, per affrontare il problema”.

L’Hotel House di Porto Recanati è ormai da tempo un condominio multietnico al centro di varie indagini sullo spaccio di stupefacenti. In un pozzo sarebbero stati trovati anche brandelli di indumenti: una scarpa bianca, un foulard ed una maglia. Elementi, questi, che conducono gli investigatori a ritenere che parte dei resti possa appartenere a Cameyi.  La certezza si avrà solo con gli accertamenti che verranno compiuti dagli esperti della polizia scientifica sul dna: nell’ambito dell’inchiesta sulla scomparsa di Cameyi era stato prelevato il Dna della madre per eventuali comparazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net