lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Marche > L’uomo trovato morto lungo il Tronto a Natale era di Grottammare e aveva lavoro e famiglia

L’uomo trovato morto lungo il Tronto a Natale era di Grottammare e aveva lavoro e famiglia

< img src="https://www.la-notizia.net/tronto" alt="tronto"

GROTTAMMARE – Sono attualmente in corso le attività che porteranno in  via definitiva al riconoscimento ufficiale del cadavere rinvenuto lungo l’alveo del fiume Tronto, nel territorio di Controguerra, il 26 dicembre scorso. Quello che emerge allo stato apre un quadro totalmente diverso da quello che si poteva ipotizzare subito dopo il ritrovamento. L’uomo, di cui era stata diramata la descrizione dai carabinieri di Alba Adriatica e di cui si era occupato anche il programma “Chi l’ha visto?” non è un clochard. Tutt’altro. Era dipendente di una ditta e svolgeva le proprie attività a Monsampolo del Tronto. Viveva a Grottammare da solo con la madre, mentre la sorella risiede a Porto d’Ascoli. La cosa che risulta strana è che non sia stata formalizzata alcuna denuncia di scomparsa. Qualcuno pensava che l’uomo potesse trovarsi all’estero in quanto era appassionato di viaggi e amante dei paesi dell’est europeo.

Al momento del rinvenimento del cadavere, l’uomo non aveva con sé documenti.  In prossimità del corpo erano stati avvistati un materasso e coperte e questo aveva fatto desumere che si trattasse di un clochard. Il corpo è stato trovato grazie ad un cane, che ne ha fiutato la presenza.

Questi gli abiti indossati dall’uomo al momento del ritrovamento del corpo: giaccone nero con cappuccio, jeans neri “Wampum” con sotto una tuta blu. Seguiranno ulteriori aggiornamenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net