martedì, Maggio 11, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > La guida dei vini di Doctor wine incorona i vini di Matelica

La guida dei vini di Doctor wine incorona i vini di Matelica

Ancora un riconoscimento nel palmarès annuale di Belisario. Al Principe di Savoia di Milano la premiazione con il Ministro Gian Marco Centinaio. 

Rientra da Milano vittorioso il Cambrugiano 2015 di Belisario, incoronato primo Verdicchio in assoluto con premiazione 97/100 durante la presentazione della Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2019 di DoctorWine.

In oltre 1200 i presenti all’evento tenutosi domenica al Principe di Savoia di Milano alla presenta del Ministro alle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio e delle maggiori autorità del settore vitivinicolo.

Un riconoscimento, quello ottenuto dall’azienda matelicese, che va ad arricchire ulteriormente un medagliere davvero molto ricco per l’annata 2018/2019. 

Infatti la Guida Slow Wine 2019 ha conferito il riconoscimento di “Grande Vino” al Meridia 2015 riservando all’azienda regina del Verdicchio una presentazione di grande riverenza siglata dal giornalista Francesco Querceti che scrive “Dio fece la valle di Matelica e da una costola creò la Belisario…”

E ancora Bibenda 2019 che premia i vini di Belisario con 5 grappoli, punteggio massimo assegnabile dalla prestigiosa guida.

Ma i riconoscimenti arrivano a cascata e vanno dal “Gold Medal” Sommelier Wine Awards 2018 per il Verdicchio di Matelica doc “Del Cerro” annata 2016 ai “3 Cuori” assegnati dal Merum Magazine al “Verdicchio di Matelica doc “Del Cerro” del 2017. Dalla “Silver Medal” dell’International Wine Challenge 2018 per il Verdicchio di Matelica Riserva docg “Cambrugiano” 2015 alla “Bottiglia” Slow Wine 2019, riconoscimento assegnato alle aziende che hanno espresso un’ottima qualità media per tutte le bottiglie presentate.

Un palmarès davvero importante che riconosce all’azienda di Matelica la nobiltà del suo lavoro sia nella produzione di vini di altissimo livello e, di conseguenza, nella promozione di un intero territorio che, veicolato dal vino genera turismo organico. Non è un caso infatti che proprio il Ministro Gian Marco Centinaio abbia voluto sottolineare la valenza del turismo legato al mondo del vino, una firma d’eccellenza del made in Italy da salvaguardare e proteggere dalle contraffazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *