venerdì, Gennaio 15, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Perugia, il Cenacolo del libero pensiero riflette sulla “penuria di menti pensanti”

Perugia, il Cenacolo del libero pensiero riflette sulla “penuria di menti pensanti”

Zuccaccia: tentiamo di riattivare processi di creatività mediante la ricerca dell’unione

Venerdì 23 novembre alle 15, a palazzo Graziani, sede Fondazione Caripg, in corso Vannucci

Perugia – Dopo aver affrontato, un anno fa, il tema del pericolo che le intelligenze artificiali possano negativamente soppiantare la mente umana, l’associazione Cenacolo del libero pensiero organizza adesso un nuovo convegno dal titolo ‘Cogitatione mentis inopia’ per riflettere sulla ‘penuria di menti pensanti’. L’evento si svolgerà nel capoluogo umbro, venerdì 23 novembre alle 15, a palazzo Graziani, sede della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia, in corso Vannucci 47. “Viviamo in un periodo di grandi mutamenti – commenta il presidente del Cenacolo del libero pensiero Giancarlo Zuccaccia – in cui la ‘penuria di teste pensanti’ va a incidere su tutte le branchie del sapere umano, dall’economia alla politica, dalla religione all’educazione, fino a interessare la famiglia e la scuola. Scopo di questo convegno è quello di riattivare, attraverso vere ‘teste pensanti’, processi di creatività mediante la ricerca dell’unione, eliminando tutte quelle forme che oggi sono la causa del grave disagio”.

Ai saluti introduttivi del presidente Zuccaccia seguiranno gli interventi di Roberto Sanseverino, docente di economia dei sistemi bancari e finanziari all’Università Lumsa di Roma, sugli scenari e i trend dell’economia e della finanza mondiale, del saggista Rinaldo Tieri sui valori e limiti del pensiero logico e scientifico, dello psicoterapeuta Domenico Mazzullo sulle cause della sempre maggiore “penuria di menti pensanti tra i giovani”, il quale avanzerà anche proposte di intervento, e di Vinicio Serino, professore all’Università degli studi di Siena, sul tema ‘antropologia della mente e culture segrete, in particolare cervelli deboli e pensatori liberi – due mondi a confronto’.

Al termine degli interventi dei relatori sarà facoltà dei presenti fare domande ed esprimere le loro considerazioni. Le conclusioni del convegno saranno affidate a Pier Francesco Verdese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *