venerdì, Aprile 23, 2021
Home > La voce di tutti > Anticipazioni per “NON E’ L’ARENA” di Giletti del 16 dicembre: Corona con la sua troupe aggredito a Rogoredo

Anticipazioni per “NON E’ L’ARENA” di Giletti del 16 dicembre: Corona con la sua troupe aggredito a Rogoredo

Questa sera alle 20:30, su La7, Massimo Giletti condurrà la tredicesima puntata della seconda stagione di “Non è l’Arena.

Dopo il rinvio della scorsa settimana dovuto al cambiamento della scaletta causato dalla tragedia di Corinaldo, in trasmissione ci sarà il ritorno di Fabrizio Corona dopo la aggressione subita con la sua troupe a Rogoredo e dopo la sua partecipazione al Grande Fratello VIP,a 6 mesi dall’ultimo faccia a faccia in studio con Giletti.

Dopo il fidanzamento lampo con Asia Argento il re dei paparazzi, reduce dalle sue disavventure giudiziarie, racconterà in trasmissione del pestaggio subito dai pusher lunedì scorso nel bosco dello spaccio alla periferia est di Milano.

Da quanto dai lui stesso  raccontato in alcuni video postati su Instagram Corona si era recato nel boschetto di Rogoredo con la troupe di una società che fornisce materiale per la trasmissione ‘Non è l’Arena’ con l’obiettivo di documentare lo spaccio di droga. “Avevo una telecamera nascosta e insieme a un ragazzo mi sono addentrato nel bosco. In cima a una collina, ho trovato due persone, che si sono fatte subito avanti con fare minaccioso… Mi hanno riconosciuto, sia io che il ragazzo abbiamo rimediato dei pugni in faccia…Mi sono trovato per terra, sdraiato con quattro che mi tenevano, uno mi ha puntato il coltello”.

“Mi sono recato al Bosco di Rogoredo, patria nazionale dello spaccio italiano, dove anche la polizia si rifiuta di entrare. Mentre le uniche inchieste realizzate sono state fatte di giorno da giornalisti accompagnati da polizia di scorta a circondare la zona – prosegue – io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata. Tutto questo – conclude – solo per raccontare in maniera oggettiva, come ho sempre fatto, la realtà. Ora, in questo momento, ringrazio Dio per aver protetto mio figlio”.

Della brutta avventura vissuta Corona parlerà in studio con Giletti, così come dell’ultimo litigio avuto con la conduttrice Ilary Blasi nello studio del GF Vio.

Già sui social Fabrizio Corona aveva manifestato la propria stanchezza rispetto all’annosa polemica che lo contrappone alla moglie di Francesco Totti: la conduttrice infatti ha recentemente rilasciato una nuova intervista al Corriere della Sera nella quale ha rivangato la sua amarezza nei confronti di Corona che 13 anni fa, pochi giorni prima delle nozze della Blasi, divulgò la presunta notte d’amore appena vissuta da Totti con Flavia Vento nonostante il matrimonio imminente e nonostante lo stato di avanzata gravidanza della promessa sposa.

La Blasi nell’intervista respingeva inoltre ogni accusa su una polemica costruita ad arte per fare salire gli ascolti. ‘Se ci fosse stato un accordo lui – ha dichiarato la Blasi al Corsera – se la sarebbe giocata meglio, non mi avrebbe detto tutte quelle brutte parole’.

La dichiarazione non è piaciuta a Fabrizio Corona che ha rivendicato il fatto che dopo la lite gli ascolti del Gf sarebbero lievitati sensibilmente.

E sulle “brutte parole” lamentate dalla Blasi Corona ha rivendicato le proprie opinioni in relazione al matrimonio della conduttrice con un calciatore famosissimo e ricchissimo e sulla discutibile morale da “maestrina” che la moglie di Totti gli avrebbe rivolto, e già rimbeccata nei video fuori onda postati sui social in cui Corona invitava alla Blasi a ricordarsi ciò che avrebbe fatto lei quando aveva 16 anni.

Si conferma quindi sempre attuale il famoso motto, poi adottato come marchio dal re dei paparazzi, “Corona non perdona”.

Ovviamente, oltre a Fabrizio Corona, si parlerà com ospiti del mondo della politica e del giornalismo dei temi caldi di attualità e della manovra finanziaria ed uno spazio sarà anche dedicato alla tragedia della discoteca di Ancona dove hanno perso la vita 5 giovanissimo ed una mamma a causa del crollo delle balaustre di una uscita di sicurezza.

Si prospetta quindi ancora una puntata di grande interesse stasera per “Non è l’Arena” alle 20:30 su La 7.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *