martedì, Novembre 30, 2021
Home > Italia > “La sfida impopulista”: l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni pensa al futuro dell’Italia

“La sfida impopulista”: l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni pensa al futuro dell’Italia

< img src="https://www.la-notizia.net/paolo-gentiloni" alt="paolo gentiloni"

di Elisa Cinquepalmi

MACERATA – Successo e sold out per il Circolo Aldo Moro di Macerata, che ieri alle 18 presso l’Ostello Asilo Ricci, ha accolto l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.
Originario di Tolentino, è tornato nelle Marche, per presentare il suo ultimo lavoro, ” La Sfida impopulista – Da dove ripartire per tornare a vincere”. L’ospite, intervistato dal giornalista Raffaele Vitali, con la collaborazione dell’assessore della Regione, Angelo Sciapichetti, ha presentato al folto pubblico presente in sala, il volume.

Ad ascoltare le parole dell’ex Premier c’era anche il sindaco di Macerata, Romano Carancini, che nutre una profonda stima nei confronti di Gentiloni. Durante la presentazione, l’ex Presidente ha spiegato quali sono gli obbiettivi del Partito Democratico.
“Puntare al gioco di squadra, restando attaccati alla politica attraverso la cultura di governo, cercando di creare punti di contatto anche con gli avversari politici. Questo è l’intendo del PD”, spiega Gentiloni che continua il suo discorso, soffermandosi sulla serietà, che rappresenta il vero punto di forza del Partito Democratico.
” Un valido esempio” – afferma l’ex Presidente – è la leader tedesca  Angela Merkel, che da 14 anni guida la Germania con tanta cura e dedizione. Chi si approccia alla cultura di governo, deve essere onesto e non montarsi la testa. Ci vuole esperienza e fatica, non si può improvvisare, perché va a discapito della comunità. La notizia della morte del Partito Democratico era largamente esagerata, ma questo non deve farci dimenticare i problemi che abbiamo avuto, quali, la vittoria della Brexit e del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, la paura dei flussi migratori e la grande crisi nel periodo 2007-2010.”

“Per questo” – continua Gentiloni – in due mesi di campagna elettorale per le elezioni europee ed amministrative, puntiamo sul gioco di squadra, costruendo le condizioni necessarie per essere più competitivi, in particolare nella prossima legge di bilancio, senza dimenticare, che Zingaretti è partito con il piede giusto e se posso darò tutto il mio supporto”.

Durante la presentazione, Gentiloni ha ricordato che l’Italia, rispetto alla Germania, ha avuto una grande instabilità di governo. Nel nostro paese ci sono stati 31 presidenti, mentre in Germania solo 7.
“L’Italia”- spiega Gentiloni- ” ha avuto una straordinaria coerenza negli ultimi settant’anni, ma in questi dieci mesi, sta andando fuori strada.  Il nostro paese è isolato e questo isolamento internazionale, non lo rende forte. Il concetto tanti nemici tanto onore non può esistere, perché tanti nemici equivale ad avere tanti guai. Il Partito Democratico vuole difendere e cambiare le sorti del paese.
Non è una sfida semplice, ma non possiamo essere condannati come Sisifo a spingere eternamente un masso.

L’ Europa deve assistere come soggetto politico e geopolitico, ma durante questa sfida tra i paesi fondamentali, ci sarà l’Italia? È questa la domanda che ci deve interessare durante le elezioni europee e la risposta, dipende da noi ! “.
Inoltre, durante la presentazione, l’ex Premier ha ricordato il percorso insieme a Matteo Renzi.
“Il cammino con Renzi è stato buono. Entrambi veniamo da “La Margherita” ed insieme sosteniamo il Partito Democratico. Il PD è affidabile e capace di comandare. Occorre scommettere sul progetto europeo e non distruggerlo come fecero in passato i dirigenti “sonnambuli” della belle epoche.
Il primo obbiettivo è riprendere in mano il concetto “Tale back control”, ovvero il controllo delle decisioni, senza farci incantare,  perché se continuiamo con questa propaganda ci sarà la fine dell’Unione Europea e l’isolamento dei singoli paesi non crea forza, ma tanti nemici”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net