domenica, Ottobre 24, 2021
Home > Italia > Il Decreto sicurezza bis è legge. Mediterranea: “Disumani al potere”. E Zingaretti: “Schiavi a 5 stelle”

Il Decreto sicurezza bis è legge. Mediterranea: “Disumani al potere”. E Zingaretti: “Schiavi a 5 stelle”

di maio

Il Decreto sicurezza bis è legge. “Pù poteri alle Forze dell’Ordine, più controlli ai confini, più uomini per arrestare mafiosi e camorristi. Ringrazio Voi, gli Italiani e la Beata Vergine Maria”. Così Matteo Salvini sul proprio profilo Facebook. E commenta: “Se devo riassumere” con il decreto legge sicurezza bis “meno Carola e più Oriana Fallaci”. Rispondendo ironicamente poi alla domanda di un giornalista Salvini ha detto che con i 150mila euro che, secondo alcune rivelazioni Gianluca Savoini avrebbe ricevuto dopo un viaggio in Marocco, “ho comprato i gelati per mio figlio che è poi è andato sulla moto d’acqua”. Il Senato ha votato la fiducia posta dal governo sul dl sicurezza bis con 160 voti favorevoli, 57 voti contrari e 21 astenuti. Il provvedimento ha incassato l’ultimo via libera del Parlamento e con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale sarà legge. FdI come annunciato si è astenuta mentre FI non ha partecipato al voto pur rimanendo in Aula. I presenti sono stati 289, i votanti 238, la maggioranza 109.

La notizia non è andata giù alla Mediterranea Saving Humans, che sui social scrive: “Disumani al potere. Il decreto sicurezza bis è legge”.

Sembrerebbe non aver digerito la cosa neanche il PD. “Il decreto Salvini – dichiara Nicola Zingaretti –  è passato, l’Italia è più insicura. Grazie agli schiavi a stelle la situazione nelle città e nei quartieri rimarrà la stessa anzi peggiorerà. Avevamo chiesto il contratto per i lavoratori delle forze dell’ordine, presidi nei quartieri a rischio, rilancio e risorse dei patti della sicurezza con i sindaci, investimenti per il recupero delle periferie. Ma niente. Di tutto questo non c’è nulla, così come non c’è nulla sulla lotta alle mafie, nemmeno l’ombra. Il crimine ringrazia, le persone sono sempre sole e le paure aumentano. Salvini ci campa ma l’Italia è migliore e li manderemo a casa”.

Matteo Renzi, dal canto suo, attacca il ministro dell’Interno per aver citato la Beata  Vergine Maria. “Strumentalizzare la Madonna  – scrive – per sponsorizzare il decreto sicurezza è l’ennesimo insulto, soprattutto per i credenti. Si dice cinico chi conosce il prezzo di tutto ma non conosce il valore di niente: Salvini oggi dimostra di essere terribilmente cinico. E non serve nemmeno ricordargli quando scendeva dai palchi della Lega bestemmiando. Chi arriva al punto da strumentalizzare ciò che c’è di più prezioso è semplicemente oltre. Persino oltre il disgusto”.

Non commenta l’attacco di Zingaretti il MoVimento Cinque Stelle. Ma nel mentre Luigi di Maio annuncia: “La proposta di legge per il taglio dei parlamentari è stata calendarizzata per il 9 settembre. Mancano 6 settimane a una svolta epocale. La prossima volta che andremo a votare, voteremo per un Parlamento con 345 poltrone in meno. Ecco perché sentite tanto rumore in questi giorni. Gli ultras della disfatta aumentano di ora in ora, tremano all’idea di non avere più un posto comodo e sicuro, pagato con i soldi dei cittadini. Risparmieremo mezzo miliardo di euro, investiremo quei soldi in infrastrutture, scuole, strade, ospedali.
Chi tifa per la caduta del governo è perché ha paura di non essere rieletto. Ha paura di trovarsi un lavoro come tutte le persone normali.
Noi questa paura non ce l’abbiamo. A noi della poltrona non ce ne frega nulla. Il MoVimento 5 Stelle lavora per fare cose giuste, non per il consenso”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net