mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Mondo > Trump congela asset Maduro negli Usa

Trump congela asset Maduro negli Usa

< img src="https://www.la-notizia.net/trump" alt="trump"

Donald Trump ordina il blocco degli asset del governo di Maduro del Venezuela negli Stati Uniti. Il presidente ha firmato un ordine con il quale congela gli asset del governo e vieta transazioni con l’esecutivo venezuelano tranne esplicite eccezioni. E’ la prima volta in 30 anni che gli Usa impongono misure così stringenti nei confrontidi un paese dell’emisfero occidentale.Con l’ordine il Venezuela è messo alla pari con la Corea del Nord, Iran,Siria e Cuba, unici paesi ad essere sottoposti a misure così stringenti.

“Tutte le proprietà e gli interessi di proprietà del governo del Venezuela che si trovano negli Stati Uniti … sono bloccati e non possono essere trasferiti, pagati, esportati, ritirati o altrimenti trattati”, afferma l’ordine esecutivo.

L’ordine, firmato lunedì dal presidente Trump, ha citato la continua “usurpazione” di Maduro del potere e delle violazioni dei diritti umani da parte di coloro che gli sono fedeli.


Mentre l’ordine non è un vero e proprio embargo commerciale, rappresenta però l’azione americana più determinata a rimuovere Maduro da quando l’amministrazione Trump ha riconosciuto il leader dell’opposizione Juan Guaidó come legittimo leader del Venezuela a gennaio. Come tale, pone il Venezuela alla pari di avversari come Cuba, Siria, Iran e Corea del Nord, anch’essi sottoposti a severe misure statunitensi.

Le precedenti sanzioni hanno preso di mira decine di addetti ai lavori del governo venezuelano e l’industria petrolifera della nazione sudamericana, la fonte di quasi tutti i suoi proventi delle esportazioni.

Come parte dell’ordine esecutivo, agli americani sarà vietato intraprendere transazioni con chiunque decida di aiutare Maduro o il suo governo. Agli stessi sostenitori di Maduro sarà anche vietato l’ingresso negli Stati Uniti.

Saranno consentite eccezioni per la consegna di cibo, medicine e abbigliamento. La Cina e la Russia hanno continuato a sostenere Maduro, spingendo John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, a mettere in guardia lunedì i due paesi dal confermare il loro sostegno.

Bolton e il segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, rappresentano gli Stati Uniti alla Conferenza internazionale per la democrazia in Venezuela.

Alla conferenza partecipano rappresentanti di oltre 50 nazioni che riconoscono Guaidó come presidente del Venezuela e considerano la rielezione di Maduro una frode.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: