sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “FUORI DAL CORO” di Mario Giordano del 23 ottobre alle 21:25 su RETE 4: faccia a faccia con Vittorio Feltri 

Anticipazioni per “FUORI DAL CORO” di Mario Giordano del 23 ottobre alle 21:25 su RETE 4: faccia a faccia con Vittorio Feltri 

Anticipazioni per “FUORI DAL CORO” di Mario Giordano del 23 ottobre alle 21:25 su RETE 4: faccia a faccia con Vittorio Feltri 
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è C_11_news_25018_news.jpg

Tra i temi della puntata i problemi non risolti in Italia dai rom, agli assenteisti del lavoro fino alle “case d’oro” della chiesa.

Mercoledì 23 ottobre, in prima serata su Retequattro, nuovo appuntamento con “Fuori dal Coro”. Al centro della puntata, Mario Giordano con il direttore di “Libero” Vittorio Feltri, affronteranno i principali temi di attualità in un confronto “faccia a faccia”. Attraverso nuove inchieste, testimonianze in studio e documenti esclusivi sui problemi non risolti in Italia, il programma riaccenderà l’attenzione sul fallimento dei piani di smantellamento dei campi rom, con un focus sul recente caso di Bergamo, dove un gruppo di nomadi, per un mese, ha tenuto letteralmente in ostaggio il reparto di oncologia dell’ospedale perché tra i ricoverati vi era una appartenente alla loro comunità. E ancora, i grandi assenteisti che, nonostante anni di denunce, non solo non perdono il loro posto di lavoro, ma vengono addirittura promossi e risarciti: le telecamere del programma riveleranno delle realtà impensabili, come ad esempio la vicenda, riportata dagli Atti della Procura, di un dipendente della ASL Roma5 che ha registrato 117 presenze su 2.500 giorni di lavoro. Infine, si tornerà a parlare del Vaticano al centro di nuove polemiche sul crac finanziario: si dice che sia sull’orlo del fallimento. Con Gianluigi Nuzzi si approfondirà l’annoso tema delle “case d’oro” della Santa Sede. Una particolare attenzione, per l’intera puntata, verrà dedicata agli anziani: mentre si susseguono proposte per togliere loro il voto o ridurre le pensioni, si mostrerà, al contrario, come siano rappresentanti di tradizioni e mantengano alti i valori nel nostro Paese.