domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “L’Orchestra Rai e la grande musica” del  24 ottobre alle 20.30 su RAI RADIO 3: “Il grande sinfonismo tra Beethoven e Prokof’ev”.

Anticipazioni per “L’Orchestra Rai e la grande musica” del  24 ottobre alle 20.30 su RAI RADIO 3: “Il grande sinfonismo tra Beethoven e Prokof’ev”.

Anticipazioni per “L’Orchestra Rai e la grande musica” del  24 ottobre alle 20.30 su RAI RADIO 3: “Il grande sinfonismo tra Beethoven e Prokof’ev”. (none)
Sul podio il Direttore principale James Conlon
Terzo appuntamento consecutivo di Stagione per il Direttore principale James Conlon, che torna sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai con la grande forma sinfonica tra Ludwig van Beethoven e Sergej Prokof’ev.
Un concerto che Rai Cultura propone giovedì 24 ottobre alle 20.30 su Radio3 e nel circuito Euroradio, in diretta dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. In apertura Conlon propone la Sinfonia n. 6 in fa maggiore op. 68 detta “Pastorale” di Ludwig van Beethoven, ultimata nel 1808 e diretta per la prima volta dall’autore nel dicembre di quell’anno al Theater an der Wien. La sinfonia segna un momento di trasfigurazione idilliaca nell’esistenza del genio beethoveniano, sempre scosso dall’intensità del sentire e del soffrire. «Più espressione del sentimento che pittura», il brano prende le distanze dalla voga romantica del pezzo descrittivo, elevando l’intima comunione con la natura campestre al senso di religioso stupore e di rapita ammirazione dell’uomo di fronte alla bellezza del creato. Fedele a una vocazione sostanzialmente teatrale, Sergej Prokof’ev fu invece poco attratto dal sinfonismo in quanto espressione del gusto per la pura forma. La sua Sinfonia n. 3 in do minore op. 44 – che chiude il programma della serata – nacque nel 1928 dal materiale tematico proveniente dall’Angelo di fuoco, il capolavoro che Prokof’ev non vide mai rappresentato. Il clima drammatico di passioni selvagge e demoniache che nell’opera riproduce l’isteria di Renata pervade anche la sinfonia, in cui stridenti dissonanze e sfrenati effetti timbrici compongono un fosco quadro alla Hieronymus Bosch.