sabato, Settembre 19, 2020
Home > Italia > Genova sott’acqua, il Comitato per gli Immigrati: “Vicini ai Liguri. La città si è sempre rialzata, risorgerà di nuovo”

Genova sott’acqua, il Comitato per gli Immigrati: “Vicini ai Liguri. La città si è sempre rialzata, risorgerà di nuovo”

genova

Liguria – Genova è stata inondata dalla pioggia torrenziale che ha colpito la città provocando strade allagate, frane ed esondazioni. E’ ancora allerta rossa. Questa notte è stato lo scirocco a salvare la città da una nuova apocalisse. Ma i danni non si contano e ora si dovrà iniziare a spalare il fango. E’ intervenuta ieri, rappresentando lo stato drammatico della prima notte di maltempo, la Presidentessa del “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione” Aleksandra Matikj:

«A Genova siamo in una situazione davvero critica, è stata una notte da incubo: le strade si sono trasformate nei fiumi in piena, i sottopassaggi sono stati inondati, diverse palazzine sono state isolate a causa delle frane… è preoccupante perché, in poche ore, questa città è caduta in ginocchio. Il clima sta diventando insostenibile anche a Savona, sta peggiorando anche nell’entroterra del TigullioAlla Spezia la situazione è altresì impressionante per la velocità con la quale gli eventi stanno avvenendo. 

Nel pomeriggio sono state previste addirittura forti mareggiate con onde alte di 6 metri. Però la Liguria si è sempre rialzata, dopo tutte le disgrazie che l’hanno colpita e non soltanto dal punto di vista climatico: basta ricordare come anche l’anno scorso Genova si è ripresa a seguito del crollo del ponte MorandiVogliamo esprimere la nostra Solidarietà e la vicinanza a tutta la regione invitando in primis tutti di ripararsi in luoghi sicuri ma se oggi parliamo è anche per dare la nostra disponibilità ad aiutare, di nuovo. 

Questa da sempre è stata una regione che ha benevolmente accolto i Migranti, per cui anche noi ora ci siamo per le nostre sorelle ed i fratelli Liguri: chi potrà accolga chi è sfollato, aiutiamo nel servizio civile, per salvare le vite umane. Perché sono le situazioni come queste che dovrebbero tenerci tutti uniti, essendo simili a quelle che, sì, ricordano del perché si scappa dai propri Paesi ma anche che ora è questa la terra che va difesa e protetta. Auspichiamo che questi tragici eventi possano portare la Regione Liguria a prendere i dovuti provvedimenti futuri per mettere in salvo il territorio al meglio. Oggi il nostro pensiero di sostegno va anche a Venezia, una città storica e di un estimabile valore unico che molto probabilmente, se fosse stata riparata in tempo con i dovuti progetti come “Il MO.S.E.”, non si sarebbe trovata allagata come nelle peggiori delle apocalissi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com