venerdì, Ottobre 23, 2020
Home > Mondo > Daphne Caruana Galizia, terremoto nel governo maltese

Daphne Caruana Galizia, terremoto nel governo maltese

daphne caruana galizia

VALLETTA – È un vero e proprio terremoto politico quello che sta scuotendo Malta, legato alla morte della giornalista Daphne Caruana Galizia: ieri le dimissioni di Keith Schembri – capo di gabinetto del premier, Joseph Muscat – e quelle del ministro del Turismo, Konrad Mizzi, mentre il titolare dell’Economia, Chris Cardona, si è “autosospeso”. I tre sono coinvolti nello scandalo suscitato dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, per il quale è stato arrestato l’uomo d’affari Yorgen Fenech.
Il primo ministro Joseph Muscat ha riferito ai giornalisti che Keith Schembri ha lasciato il paese mentre la polizia ha intensificato le indagini sull’omicidio della giornalista investigativa, che ha ripetutamente denunciato la corruzione ai massimi livelli di governo.

Il ministro del turismo Konrad Mizzi ha annunciato le proprie dimissioni e il ministro dell’Economia Christian Cardona ha dichiarato che si sarebbe sospeso dalle proprie funzioni fino alla conclusione delle indagini plegate all’l’omicidio. Sia Mizzi che Cardona hanno negato qualsiasi coinvolgimento nella morte di Daphne Caruana Galizia, che è stata fatta saltare in aria con un’autobomba.

La polizia ha perquisito la casa di Schembri, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Né Schembri né il suo avvocato sono stati immediatamente disponibili per un commento.

Schembri e Mizzi erano stati sottoposti a pressioni per rassegnare le proprie dimissioni dai politici dell’opposizione e dalla famiglia di Daphne Caruana Galizia a causa dei loro presunti legami finanziari con l’uomo d’affari Yorgen Fenech, che è stato arrestato la settimana scorsa come persona coinvolta. Cardona è stato brevemente interrogato dalla polizia sabato.

Il sospetto intermediario nell’omicidio, Melvin Theuma, ha ricevuto un perdono presidenziale lunedì in cambio di prove che potrebbero essere utilizzate in tribunale. “Quello che sta succedendo ora e quello che è successo la scorsa settimana è un’operazione che si spera risolva il caso dell’omicidio di Daphne Caruana Galizia”, ​​ha detto Muscat a Reuters martedì.

Daphne Caruana Galizia, 53 anni, perse la vita nell’ottobre del 2017 corso di una esplosione che fece andare a fuoco la sua auto. Era specializzata in giornalismo investigativo. La donna aveva ricevuto prima della propria morte diverse minacce. Aveva effettuato indagini in relazione agli scandali finanziari “Panama papers” e “Malta files”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *