venerdì, 24 Gennaio, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 30 novembre alle 14 su RAI 1: le montagne più belle e affascinanti d’Italia

Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 30 novembre alle 14 su RAI 1: le montagne più belle e affascinanti d’Italia

Linea Bianca 18 gennaio
Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 30 novembre alle 14 su RAI 1: le montagne più belle e affascinanti d’Italia Risultati immagini per linea bianca rai
Sabato 23 novembre, alle 14.00, “Linea Blu” sarà, per l’ultima puntata di questa edizione, nella splendida Sicilia, in un viaggio tra Palermo e Sciacca, nel cuore del Mediterraneo. Si partirà da Palermo, città che conserva ancora le tante anime dei popoli che l’hanno conquistata. Dai greci, passando per gli arabi fino ad arrivare ai normanni e agli spagnoli. Ognuno di questi ha lasciato una sua impronta, che vive ancora oggi tra le architetture e le tradizioni popolari. Il viaggio proseguirà passando per l’area marina protetta dell’isola delle Femmine, per apprezzarne i fondali. Proseguendo, Donatella Bianchi porterà il pubblico a Marsala e all’isola di Mozia per scoprirne storia e fondali, un tempo ricchi di Posidonia. Oggi questa pianta, così importante per la conservazione della biodiversità marina, è a forte rischio scomparsa. Continuando il viaggio, “Linea Blu” arriverà a Sciacca. Il mare ha donato a questa città qualcosa di speciale: il Corallo. Ma non uno qualunque. Questo tipo di corallo ha delle caratteristiche uniche al mondo: è fossile e l’origine di questo particolare fenomeno è oggetto di studio di molti scienziati. La sua eccezionalità è stata riconosciuta istituzionalmente anche dalla Regione Sicilia. La trasmissione ne racconterà la storia, la raccolta che venne fatta alla fine del 1800 nei pressi della Isola Ferdinandea, apparsa e scomparsa nel giro di un anno per un fenomeno vulcanico, e le sue peculiarità. Navigando lungo la costa, ci si imbatterà nei resti della città greca di Eraclea Minoa, legata al mito di Minosse: la costa sottostante il sito archeologico ha subìto nel corso degli ultimi trenta anni un fenomeno erosivo che ha letteralmente fatto “dissolvere” la spiaggia: nella metà degli anni ‘80 era più lunga di oltre 250 metri rispetto alla linea del bagnasciuga attuale. È davvero importante porre rimedio al fenomeno erosivo, su tutte le coste italiane, per non rischiare di perdere la meravigliosa ricchezza paesaggistica. Intanto, Fabio Gallo sarà a Punta Campanella, nella penisola sorrentina, dove i preziosi e rari datteri di mare sono ad alto rischio di scomparsa e che attualmente sono oggetto di una iniziativa scientifica davvero originale. Ma, per l’ultima puntata del 2019, “Linea Blu” chiuderà con delle immagini inedite davvero splendide, quelle di una ripresa eccezionale: in uno sperduto atollo della Nuova Caledonia, degli esemplari di tartarughe marine in riproduzione testimoniano il fatto che sul pianeta ci sia ancora tanta natura incontaminata, che incanta. Una ricchezza che deve essere preservata e protetta, una enorme risorsa che la Terra ancora regala. Si è ancora in tempo per salvare questa riserva di bellezza.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: