giovedì, 2 Aprile, 2020
Home > Abruzzo > L’IIS Alessandrini di Montesilvano sul territorio con laboratori formativi

L’IIS Alessandrini di Montesilvano sul territorio con laboratori formativi

IIS

La scuola superiore di Montesilvano, diretta dal ds Maria Teresa Di Donato, si apre al patrimonio artistico regionaleL’IIS Alessandrini sul territorio con laboratori formativiSi susseguono incessanti le attività formative all’IIS Alessandrini di Montesilvano guidato dal neo dirigente scolastico Maria Teresa Di Donato. Negli ultimi giorni alcuni ragazzi della scuola della  bella cittadina rivierasca si sono misurati con alcuni impegni didattici che li hanno portati a lavorare fuori dalle classe. E’ il caso degli alunni delle classi 3A Grafica e 2D Informatica, accompagnati dai docenti Di Sante, Morelli, De Sanctis, Ciccone, Ciarfella, Della Valle, che hanno visitato il Castello di Roccascalegna nell’ambito dei progetti PCTO ( alternanza scuola mondo del lavoro ndr) “Dalla città medievale, passando per la Città Ideale, alla grafica della Smart City” e PIANO DELLE ARTI MIUR 2019-2020, MacroUda “On the road: il viaggio”.

L’escursione ha consentito agli studenti di conoscere le caratteristiche di un assetto urbanistico medievale e di fare esperienza di fotografia urbana per raccontare la vita e l’anima del Castello di Roccascalegna e del suo borgo. Qualche giorno dopo, nell’ambito del progetto di PCTO “Eremi celestiniani tra spirito e natura”, le classi II A, III A e IV A Turismo si sono recate a Sulmona per visitare l’eremo di S. Onofrio e la Badia Morronese, accompagnate dai proff. Angelo Pompei, Anna Maria Di Matteo, Piero Troiano, Paola Guerrieri. Sulle orme di Pietro da Morrone e Roberto da Salle, due guide hanno condotto gli studenti nel percorso lungo l’enorme struttura della Badia (circa 17000 mq), fondata da Celestino V, e richiamando l’attenzione sulla pregevole struttura architettonica della Chiesa, con il cantorio, il leggio, i due altari in marmi policromi, dedicati a S. Benedetto e S. Pietro Celestino, i sedili settecenteschi dove i monaci recitavano e cantavano le preghiere.

Abbiamo poi ammirato la cripta della chiesa, dal colonnato spoglio in pietra della Maiella e dalle volte a crociera. Un dipinto del XIV secolo, sito in una nicchia della cripta, raffigura Celestino che mostra la Regola ai suoi confratelli. Intanto è gia’ programmato per mercoledì 4 dicembre, l’aula magna della Scuola, intitolata a Gianni Pagannone, la presentazione degli gli studenti delle classi impegnate nell’escursione delle fotografie del prof. Piero Troiano, insieme a power point che permetteranno di ripercorrere le varie tappe del percorso svolto.

I docenti accompagnatori: Angelo Pompei, Anna Maria Di Matteo, Piero Troiano, Paola Guerrieri. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *