venerdì, 17 Gennaio, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film d’autore stasera in TV: “I FANTASTICI VIAGGI DI GULLIVER” venerdì 6 dicembre 2019

Il film d’autore stasera in TV: “I FANTASTICI VIAGGI DI GULLIVER” venerdì 6 dicembre 2019

Il film d’autore stasera in TV: “I FANTASTICI VIAGGI DI GULLIVER” venerdì 6 dicembre 2019 alle 21:15 su PARAMOUNT Network (Canale 27)  I fantastici viaggi di Gulliver.jpg
I fantastici viaggi di Gulliver (Gulliver’s Travels) è un film del 2010 diretto da Rob Letterman. Basato sul romanzo settencentesco I viaggi di Gulliver di Jonathan Swift, il film vede Jack Black come protagonista nei panni di Lemuel Gulliver, con Catherine Tate nel ruolo della Regina di Lilliput. Lemuel Gulliver è un uomo che lavora in un ufficio posta di New York e sul posto di lavoro è solito giocare a Guitar Hero. Gulliver è innamorato di Darcy Silverman, capo dell’ufficio viaggi, ma un giorno arriva Dan, assistente appena ventenne, che dopo solo un giorno ottiene la promozione come capo e dice a Gulliver che non potrà mai arrivare tra i grandi. Gulliver, affranto, si decide ad andare da Darcy e chiederle di uscire: non ci riesce e come scusa prende dei fogli a caso, che sono la domanda di iscrizione all’ufficio viaggi, così Gulliver mente a Darcy dicendole che è un grande viaggiatore e in più scrive sempre dei suoi viaggi, come prova le porta un articolo (che in realtà è copiato da vari siti e guide turistiche). Darcy lo manda a fare un articolo al Triangolo delle Bermude. Mentre sta navigando, Gulliver si trova in mezzo a una tempesta e viene risucchiato da un vortice, al risveglio si ritrova nella terra di Lilliput, governata da Re Teodoro e popolata da minuscoli esseri umani. All’inizio lo rinchiudono in una grotta credendolo una bestia e, nella grotta, stringe amicizia con Orazio, rinchiuso perché ha corteggiato la principessa, fidanzata con il generale Edoardo. Gulliver riesce a salvare il re e la principessa da un attacco dei nemici Blefuschiani spegnendo l’incendio con l’urina, e da quel giorno viene considerato un eroe. Mente però ai lilliputziani, facendogli credere che lui sia un eroe, che sia stato presidente degli Stati Uniti e mostrandogli rappresentazioni teatrali di film famosi facendo loro credere che sia stato lui a vivere queste esperienze (ad esempio, Guerre stellari o Titanic). Gulliver aiuta Orazio a conquistare la principessa, viene trattato come un eroe e gli abitanti gli costruiscono una villa enorme. Il Generale Edoardo, però, non lo vede di buon occhio, anche perché quest’ultimo viene nominato vicegenerale e sostituito da Gulliver che diventa generale. Edoardo abbassa tutte le difese e i Blefuschiani iniziano ad attaccare. Gulliver entra in acqua e all’inizio propone ai nemici di dissimulare, ma poi capisce che deve fare qualcosa: le pallottole che gli arrivano in pancia rimbalzano su di essa e colpiscono i nemici, poi prende tutte le barche e le lancia via. A questo punto il successo di Gulliver è all’apice, tutti lo amano e lui fa attaccare in città cartelloni stile New York che lo ritraggono: come lui con una specie di iPad chiamato “G-pad”, oppure un cartellone di lui versione Avatar (“Gavatar”). Nonostante la sua barca sia stata ritrovata, Gulliver non ha intenzione di andarsene, soprattutto perché ha ricevuto dei messaggi di Darcy, che aveva scoperto che lui le aveva mentito e gli diceva di non tornare. Edoardo non accetta ciò ed inoltre viene lasciato dalla principessa che era stata esortata da Gulliver a confessare il suo amore per Orazio. Edoardo alleatosi con i Blefuschiani, dopo aver costruito un robot (grazie alle istruzioni su una rivista trovata sulla barca di Gulliver) attacca Lilliput, Gulliver si arrende e svela la sua vera identità, viene esiliato da Edoardo sull’isola nella quale i minuscoli abitanti non hanno il coraggio di andare, a questo punto è lui che si ritrova minuscolo, una bambina gigante lo rapisce e lo usa come bambola, ma Orazio lo salva reputandolo il suo migliore amico e dicendogli che non importa che lavoro fa: ha salvato la principessa e Lilliput, quindi, è un eroe. Nel frattempo Darcy, che era dovuta andare di malavoglia a fare l’articolo sul Triangolo Delle Bermude, si ritrova nella stessa situazione di Gulliver, a Lilliput (che è stata occupata dai Blefuschiani). Tutti la chiamano “principessa di Gulliver” e la rinchiudono nella grotta (dove sono rinchiusi anche il re e la regina). Gulliver la salva e, nel liberarla, le svela finalmente ciò che prova per lei. Gulliver sfida il robot di Edoardo: grazie a Orazio riesce a sconfiggerlo e Lilliput si libera dalle mani del nemico. Gulliver fa anche smettere la voglia di guerra e di violenza ai due popoli, cantando War di Edwin Starr. Darcy e Gulliver si baciano (e anche Orazio e la principessa). I due tornano a New York e, un anno dopo, si vede un Gulliver che lavora nell’ufficio viaggi appena tornato dalla Papua Nuova Guinea che va nell’ufficio di Darcy e Dan che entra con la posta. Con Dan c’è un nuovo impiegato che, a Gulliver dice di essere: “Solo un impiegato della posta”. Gulliver lo contraddice: “Non esistono ruoli piccoli, ognuno è grande! Ricorda, esistono solo persone piccole piccole!”. Il film si conclude con Darcy e Gulliver che vanno a pranzo e con l’inquadratura di un articolo appeso al muro, in cui si nota che accanto al nome Darcy Silverman c’è scritto Gulliver, quindi probabilmente i due si sono sposati. Regia di Rob Letterman Con: Jack Black Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: