venerdì, Settembre 18, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 7 dicembre alle 14 su RAI 1: il massiccio dell’Adamello

Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 7 dicembre alle 14 su RAI 1: il massiccio dell’Adamello

Linea Bianca 25 aprile
Anticipazioni per “LINEA BIANCA” del 7 dicembre alle 14 su RAI 1: il massiccio dell’Adamello Risultati immagini per linea bianca rai
Paesaggi fiabeschi, chilometri di piste innevate, favolose escursioni ma anche attualità, benessere e storia: il prossimo appuntamento di “Lineabianca”, con Massimiliano Ossini e Giulia Capocchi, in onda sabato 7 dicembre, alle 14.00 su Rai1, sarà un viaggio nel territorio del massiccio dell’Adamello, al confine tra le province di Trento e Brescia, a cavallo tra la regione Lombardia ed il Trentino-Alto Adige. A quota 2.950 metri sul livello del mare: sulla cima del monte Venerocolo, nella spettacolare cornice delle Alpi Orobie, si vivrà un’emozionante apertura con Massimiliano Ossini, Lino Zani ed una guida alpina. Arte: a Ponte di Legno, in un bosco secolare, si godrà delle magiche atmosfere create dall’incontro tra musica e ghiaccio. Dall’università della montagna di Edolo all’allevamento delle capre: a San Faustino di Ceto, in una piccola azienda agricola a conduzione familiare, si passerà una giornata in compagnia di Valentino e la moglie Alice. Un millennio di storia camuna: arroccato su uno spuntone di roccia in posizione strategica al centro della valle, a strapiombo sul fiume Oglio e dominante i due versanti opposti della Valle Camonica, si andrà alla scoperta delle bellezze e dei segreti del castello di Breno, costruito presumibilmente prima dell’anno 1000. “Il re dei formaggi che abita sotto 11 castello”: in un antico rifugio bellico, si racconterà la storia del Brè, formaggio d’eccellenza a pasta dura prodotto esclusivamente nelle malghe del territorio e stagionato 18 mesi nel misterioso intreccio di gallerie che si dirama all’interno del massiccio roccioso. Attualità: sul passo del Tonale, con il personale del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino speleologico, si scopriranno le ultime tecnologie all’avanguardia per il recupero del disperso in valanga. Quota 3.769 metri sul livello del mare: sulla cima del monte Cevedale, nella spettacolare cornice del Gruppo dell’Ortles e delle Alpi Venoste, un’emozionante apertura del conduttore con Lino Zani ed una guida alpina. Per non dimenticare: a quota 3275 metri, i tre Cannoni del monte Cevedale, indelebile e maestosa traccia di un periodo significativo per la storia, quello della Guerra Bianca, un conflitto sofferto e sanguinoso che decimò numerosi soldati italiani e austriaci, anche a causa delle condizioni proibitive in cui vivevano i militari. Un susseguirsi di monumenti, portoni ad arco, affreschi e scalinate: tra mito e storia, curiosità, personaggi e antiche tradizioni di Burgusio, caratteristico ed affascinante borgo ai piedi dell’abbazia di Monte Maria. Dai danni subiti dal patrimonio boschivo per la straordinaria ondata di maltempo, all’abbattimento programmato degli alberi pericolanti, agli evidenti effetti dei cambiamenti climatici sulla fauna locale: nell’area faunistica di Fragges, con un agente della Forestale, alla scoperta delle bellezze del Parco Nazionale dello Stelvio. La transumanza degli animali da ricondurre in valle, il recupero delle antiche razze, un vecchio maso del 400, una vita nella natura, al cospetto dei grandi ghiacciai: sulle verdi colline di Burgusio, una giornata in compagnia di Armin Pirhofer, ex direttore di banca ed oggi eremita di Monte Maria. La chiesa romanica, unico esempio di basilica a tre navate colonnate della VaI Venosta, la Cappella di S. Egidio, l’antica cripta consacrata nel 1156, il piccolo orto lavorato con cura dai monaci: a quota 1335 metri, nella frazione di Malles, sulla collina che troneggia Burgusio, l’abbazia di Monte Maria, la più alta abbazia benedettina d’Europa.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com