martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Lazio > Codici: “Illegittimi gli aumenti tariffari disposti da Acea Ato 2 per l’idrico dal 2002 al 2012”

Codici: “Illegittimi gli aumenti tariffari disposti da Acea Ato 2 per l’idrico dal 2002 al 2012”

la sfida

Riceviamo dall’associazione Codici e pubblichiamo: Gli aumenti tariffari applicati da Acea Ato 2 dal 2002 al 2012 sono illegittimi. È quanto stabilito dalla Corte di Appello di Roma, che ha emesso una sentenza che riguarda le bollette idriche destinate agli utenti residenti nel Comune di Fonte Nuova in provincia di Roma, ma che rappresenta un precedente per tutti i Comuni serviti da Acea Ato 2. Una vittoria per i consumatori, assistiti nel lungo procedimento giudiziario dall’Associazione Codici, pronta ora a portare la vicenda all’attenzione di ProcuraMefAntitrust e Arera. La sentenza è stata pubblicata lo scorso 11 dicembre e, a parziale conferma di una pronuncia del 2014 del Tribunale civile di Tivoli, dichiara anche non dovute alcune voci tariffarie come la cosiddetta “quota depurazione” e il cosiddetto “minimo impegnato”.

Ma andiamo con ordine e ricostruiamo una vicenda giudiziale iniziata oltre 10 anni fa. È il 2008 quando il Gestore del Servizio Idrico Integrato, Acea Ato 2 Spa, che aveva preso in consegna le infrastrutture del Comune di Fonte Nuova, applica retroattivamente piani e aumenti tariffari, risalendo fino al 2002. Si arriva così all’addebito in fattura di voci tariffarie anche per migliaia di euro per ogni utente. Ne nasce quindi un contenzioso, promosso da un gruppo di cittadini, che si organizzano in un comitato locale (Comitato Acqua Fonte Nuova, ora Comitato Civico Cittadini per Fonte Nuova è Nostra) guidato da Donatella Ibba e si rivolgono all’Associazione Codici per ricevere assistenza.

Il giudizio, patrocinato dall’avvocato Carmine Laurenzano dell’Ufficio Legale di Codici, si protrae per 10 anni nel corso dei quali gli utenti dimostrano l’illegittimità degli aumenti tariffari (la maggior parte applicati retroattivamente e in assenza dei presupposti di legge), la prescrizione di gran parte delle voci addebitate in fattura e l’assenza di depuratori funzionanti. Con una prima pronuncia del 2014, il Tribunale di Tivoli annulla tutti gli aumenti tariffari dal 2002 al 2008, lasciando tuttavia senza esito le altre richieste dei cittadini. Acea Ato 2 presenta appello contro questa pronuncia, mentre gli utenti presentano appello incidentale per chiedere l’annullamento anche delle altre voci tariffarie.

Arriviamo così ai giorni nostri ed alla sentenza dello scorso 11 dicembre, con cui la Corte di Appello di Roma rigetta l’appello promosso da Acea Ato 2 e accoglie parzialmente l’appello incidentale promosso dagli utenti, decretando l’illegittimità di tutti gli aumenti tariffari applicati dal 2002 al 2012l’assenza di depuratori funzionanti a norma di legge nell’area in questione e pertanto l’illegittima applicazione in fattura della quota depurazione sempre dal 2002 al 2012.

L’avvocato di Codici: “Si tratta di una vittoria importantissima”

“Si tratta di una vittoria importantissima – dichiara l’avvocato di Codici Carmine Laurenzano, che ha patrocinato entrambi i gradi di giudizio per conto degli utenti – viene riconosciuta l’illegittimità della condotta del Gestore del Sistema Idrico Integrato, che, peraltro, nel corso di questi anni ha tartassato gli utenti, parti nel giudizio, con note di sollecito di pagamentominacce di avvio di azioni esecutive, ha inviato decine di preavvisi di distacco, arrivando in alcuni casi al distacco effettivo e addirittura all’invio di ingiunzioni di pagamento. Il tutto per le somme che la Corte di Appello di Roma ha accertato come non dovute”. Ma l’azione di Codici non finisce qui. “Visto che le somme non sono dovute – afferma il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica di Tivoli, paventando anche il reato, quanto meno sotto forma di tentativo, di estorsione e segnaleremo tali criticità anche a Agcm e Arera. Chiederemo, inoltre, al Ministero dell’Economia e delle Finanze di revocare il decreto che autorizza Acea Ato 2 a procedere per mezzo di determine-ingiunzioni per la riscossione di morosità, considerato l’uso indiscriminato che ne è stato fatto e ne viene fatto, anche in relazione a presunte morosità oggetto di giudizi già avviati che, come nel caso di specie, hanno dato torto al Gestore del Servizio Idrico”.

In attesa di nuovi sviluppi, si registra anche la soddisfazione dei cittadini. “Nel 2008 mi sono accorta che stavano arrivando delle bollette pazze – racconta Donatella Ibba, oggi Presidente di Cittadini per Fonte Nuova è Nostra – costituito il Comitato, ho evidenziato 9 punti di contestazione e, grazie al sostegno di Codici ed al grande lavoro dell’avvocato Laurenzano, abbiamo intrapreso una battaglia che dopo 10 anni ha prodotto una vittoria importantissima. Quella della Corte di Appello di Roma è una sentenza che fa giurisprudenza. Ora ci aspettiamo l’apertura di un percorso che porti al rimborso dei cittadini anche su depurazione e fognatura, visto il paradosso di chi non è nemmeno collettato, come i residenti di Santa Lucia”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *