martedì, Dicembre 1, 2020
Home > Lazio > Cade il segreto pontificio: Luca Barbareschi ringrazia il Pontefice per questo atto di grande lungimiranza

Cade il segreto pontificio: Luca Barbareschi ringrazia il Pontefice per questo atto di grande lungimiranza

luca barbareschi

Così in una nota Luca Barbareschi, attore, regista e direttore artistico del Teatro Eliseo di Roma:

“Quando vent’anni fa ho cominciato la mia battaglia contro la pedofilia, essendo stato io stesso vittima di abusi – dichiara il direttore artistico del Teatro Eliseo- ho incontrato molta diffidenza. Ringrazio oggi il presidente emerito Giorgio Napolitano alla cui attenzione portai la mia proposta di legge contro la pedofilia e la pedopornografia che attualmente supera il business della droga in quanto a traffico di immagini.  Era il 2007 quando ho creato la ‘Fondazione Luca Barbareschi Onlus – dalla parte dei bambini’, un progetto a sostegno della prevenzione, sensibilizzazione e intervento a favore delle vittime della pedofilia, grazie al quale   la proposta è diventata Legge 4 maggio 2009, n. 41 con l’istituzione il 5 maggio 2009 della ‘Prima Giornata Nazionale contro la Pedofilia’ con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel 2016 il Teatro Eliseo e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e l’Autorita Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza hanno sottoscritto unProtocollo d’Intesa per promuovere azioni sinergiche e per diffondere la cultura dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nelle scuole.

Ringrazio e abbraccio virtualmente il Pontefice per questa svolta storica da parte della Chiesa Cattolica che sdogana un pregiudizio e previene dal grave danno di immettere nella società persone che per tutta la vita faranno fatica a riconquistare la dignità di sentirsi esseri umani. Papa Francesco porta nuova luce sulla battaglia contro i casi di abusi sessuali finora coperti dal segreto pontificio e dà inizio a un nuovo e importante percorso contro l’omertà e a difesa e tutela delle giovani vittime. Così Il direttore artistico del Teatro Eliseo di Roma Luca Barbareschi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *