venerdì, 17 Gennaio, 2020
Home > Mondo > Libia, le forze di Haftar annunciano il cessate il fuoco

Libia, le forze di Haftar annunciano il cessate il fuoco

haftar

Nella giornata di ieri, le forze del generale libico Khalifa Haftar hanno annunciato un cessate il fuoco dalla mezzanotte di oggi (2200 GMT) in seguito alle chiamate da Mosca e Ankara per una tregua.

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan questa settimana hanno chiesto una tregua in Libia, ma Haftar aveva inizialmente dichiarato che avrebbe continuato a combattere.

Le forze di Haftar hanno concordato il cessate il fuoco dalla mezzanotte di oggi (2200 GMT), ma hanno minacciato una “severa” risposta a qualsiasi violazione da parte del “campo avversario”.

Putin e il cancelliere tedesco Angela Merkel si sono incontrati ieri a Mosca e hanno chiesto sforzi internazionali per affrontare la crisi in Libia.

La Germania e la Russia agiscono entrambe come mediatori in un conflitto che Berlino ha avvertito potrebbe diventare una “seconda Siria”.

La Merkel, durante la sua prima visita in Russia dal 2018, ha dichiarato di sperare che “gli sforzi turco-russi avranno successo”, definendo il cessate il fuoco un primo passo in un processo di pace.

Le forze di Haftar, che hanno iniziato la loro offensiva su Tripoli in aprile, non hanno fornito alcun dettaglio nella loro breve dichiarazione su come sarebbe entrato in vigore il cessate il fuoco.

Parlando a Roma dopo gli incontri con il premier italiano, Sarraj aveva precedentemente accolto con favore l’iniziativa turco-russa, ma ha affermato che qualsiasi cessate il fuoco sarebbe subordinato al ritiro delle forze di Haftar.

Le potenze occidentali e gli stati nordafricani hanno lavorato per prevenire un allargamento del conflitto in Libia con il crescente coinvolgimento di attori internazionali a sostegno delle forze opposte.

La Libia è ora divisa tra il GNA di Tripoli e le forze di Haftar a est e sud

La Libia è ora divisa tra il GNA di Tripoli e le forze di Haftar a est e sud e i governi europei sono preoccupati per i militanti islamici e i trafficanti di migranti che sfruttano il caos.

Putin e Merkel hanno entrambi appoggiato una conferenza di pace in Libia a Berlino organizzata dall’inviato speciale delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salame, che potrebbe svolgersi nelle prossime settimane.

Putin ha definito l’iniziativa “tempestiva” e un “ottimo passo nella giusta direzione”.

La conferenza deve includere “paesi che hanno un reale interesse a promuovere un accordo di pace” e le decisioni devono essere concordate preliminarmente con le parti libiche, con il coinvolgimento di Salame, ha affermato.

Mentre la Turchia ha inviato truppe per sostenere il governo di Tripoli appoggiato dall’ONU, Mosca è accusata di sostenere i mercenari che seguono Haftar nella sua lotta contro il governo.

Putin a questo proposito ha dichiarato: “Se ci sono russi lì, non rappresentano gli interessi dello stato russo e non ricevono denaro da esso”.

In Libia, “purtroppo l’azione militare su larga scala continua e l’attività terroristica sta crescendo”, ha affermato Putin, che desidera sottolineare il suo ruolo di uomo forte nella regione.

“Tutto ciò mina la stabilità non solo nella stessa regione ma ha un’influenza negativa sull’Europa”, ha aggiunto, citando il contrabbando di droghe e armi.

Ha sottolineato la necessità di “riavviare il processo politico con l’obiettivo finale di superare la scissione all’interno del paese e formare singole istituzioni statali”.

I colloqui che Putin ha definito “sostanziali” hanno riguardato anche altri punti critici nella regione, compreso l’Iran, con i leader che hanno sottolineato la necessità di salvare l’accordo nucleare del 2015 dal quale gli gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente nel 2018.

La Merkel ha affermato che è necessario “mantenere (l’accordo) in vita” per impedire all’Iran di acquisire armi nucleari, mentre Putin ha dichiarato che è necessario che si instauri un meccanismo di baratto che consenta all’Iran di eludere le sanzioni sugli scambi sostenute dalle maggiori potenze europee, per ” iniziare a lavorare”.

I colloqui hanno riguardato anche il conflitto in Siria, dove un nuovo cessate il fuoco mediato dalla Russia e dalla Turchia dovrebbe entrare in vigore dopo mezzanotte nell’ultimo grande bastione dell’opposizione di Idlib.

Putin ha avvertito che “conflitti militari su larga scala” in Medio Oriente sarebbero una “catastrofe non solo per la regione, il Medio Oriente, ma per il mondo intero”, portando a “nuovi flussi di migranti” verso l’Europa e altre regioni.

Ciò causerebbe anche “enormi danni all’economia globale”, ha affermato.

I leader hanno anche discusso della guerra con i separatisti sostenuti dalla Russia in Ucraina.

Putin a dicembre ha preso parte ai colloqui sul conflitto ucraino a Parigi nel “formato Normandia” ospitato dalla Merkel e dal presidente francese Emmanuel Macron.

Questo è stato il suo primo faccia a faccia con il suo omologo ucraino recentemente insediato Volodymyr Zelensky.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: