martedì, Novembre 30, 2021
Home > Italia > Capotreno aggredita, nessuno è intervenuto. Ci sarebbe un testimone

Capotreno aggredita, nessuno è intervenuto. Ci sarebbe un testimone

lanciano

Nessuno è intervenuto mentre una capotreno di 25 anni veniva aggredita a calci e pugni all’addome su un convoglio, all’altezza di Seregno, in Brianza, da un uomo sprovvisto di biglietto. I fatti hanno avuto luogo venerdì su un treno partito alle 9.48 da Como San Giovanni in direzione di Rho (Milano). Secondo quanto riferito dalla Fit Cisl di Como l’episodio sarebbe avvenuto, appunto, tra l’indifferenza dei viaggiatori. Stando al sindacato, la capotreno si sarebbe accorta di un uomo, un italiano di mezza età che, sdraiato, avrebbe occupato diversi posti a sedere.

La capotreno avrebbe chiesto all’uomo di mostrarle il biglietto

Dopo averlo invitato a sedersi normalmente, al suo rifiuto, gli avrebbe chiesto il biglietto, che non aveva. L’avrebbe quindi accompagnato alla porta e alla fermata successiva, quella di Seregno. Con il treno in frenata, l’uomo ne ha approfittato per prenderla a calci e pugni per poi scendere e dileguarsi nel nulla. è stata presa a pugni dall’uomo che subito dopo è sceso e si è dileguato in stazione. A causa del dolore la donna ha perso i sensi. Per la giovane capotreno la prognosi è di 10 giorni. Secondo quanto riportato da La Provincia di Como ci sarebbe un testimone-chiave per incastrare l’aggressore della capotreno. Si tratterebbe di un collega, in servizio su un treno successivo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net