lunedì, Marzo 8, 2021
Home > Mondo > Libia, la Conferenza di Berlino tenta il tutto per tutto

Libia, la Conferenza di Berlino tenta il tutto per tutto

libia

L’obiettivo a lungo termine del governo tedesco è “una Libia sovrana” e un “processo di riconciliazione inter-libico”, secondo l’invito alla conferenza di oggi a Berlino. Ma il paese è ancora molto lontano da un processo di questo tipo.

C’è un governo internazionalmente riconosciuto a Tripoli guidato da Fayez Sarraj, ma controlla solo una piccola parte della Libia. Nel frattempo, il generale ribelle Khalifa Haftar e le sue milizie stanno mettendo sempre più il governo sotto pressione militare. Haftar controlla la maggior parte del paese, compresi gran parte dei suoi giacimenti petroliferi.

La situazione è ulteriormente complicata dall’intervento di potenze straniere. La Turchia, ad esempio, sostiene il governo di Tripoli – Ankara ora ha anche inviato soldati in Libia. Dall’altro lato, paesi come l’Egitto, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e la Russia appoggiano Haftar e gli offrono più o meno apertamente assistenza militare.

Anche l’Unione europea è divisa sulla questione libica. Si dice che la Francia sostenga Haftar, mentre l’Italia, ex potenza coloniale, è vicina a Sarraj.

Dopo diversi incontri preliminari, il governo tedesco ha invitato i più alti rappresentanti della cancelleria di Berlino: i due rivali, Sarraj e Haftar, i capi di stato e di governo di tutti i principali paesi coinvolti direttamente e indirettamente, nonché i rappresentanti dell’Unione Europea, dell’Unione Africana e della Lega Araba. Poiché l’incontro è supervisionato dalle Nazioni Unite, sarà presente anche il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.
Ma cosa può arrivare a fare questa conferenza? Rainer Breul, portavoce del Ministero degli Esteri tedesco, ha affermato che l’attenzione non è ancora focalizzata sui negoziati di pace.

“L’obiettivo è che gli attori internazionali concordino le condizioni quadro per ridurre la loro influenza sul campo”, ha affermato.

Angela Merkel vede come un buon segno che il presidente russo Vladimir Putin e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, i cui paesi si trovano su diversi fronti nel conflitto libico, abbiano entrambi promesso di venire.

Il significato della conferenza di Berlino, tuttavia, si estende oltre la Libia. Secondo Jürgen Hardt, esperto di politica estera per i democratici cristiani della Merkel, la pacificazione nel paese è “la chiave per l’ulteriore stabilizzazione dell’Africa settentrionale e occidentale. Se riuscissimo a condurre la Libia in un futuro pacifico, sarebbe una pietra miliare per intera regione “.

La conferenza di Berlino “è una tappa importante” per cementare il cessate il fuoco in Libia

La conferenza di Berlino “è una tappa importante” per cementare il cessate il fuoco in Libia. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

All’ultima curva, però, il percorso della conferenza di Berlino sulla Libia sembra nuovamente ingarbugliarsi, con l’esito che appare destinato a rimanere incerto fino alla fine. A far virare all’improvviso la strada verso una salita, alla vigilia, sono state soprattutto le voci che si sono rincorse fino all’ultimo circa una possibile defezione del premier di Tripoli Fayez al-Sarraj.

A creare tensione è stata poi la chiusura dei terminal petroliferi del golfo della Sirte, arrivata dietro ordine di Haftar. Una mossa tesa a prosciugare le finanze dei rivali di Tripoli bloccando le esportazioni ma probabilmente, vista la tempistica, mirata anche a fare sentire tutto il peso dell’uomo forte di Bengasi sulle trattative in corso nella capitale tedesca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *