giovedì, Settembre 24, 2020
Home > Mondo > Libia, la Conferenza di Berlino tenta il tutto per tutto

Libia, la Conferenza di Berlino tenta il tutto per tutto

libia

L’obiettivo a lungo termine del governo tedesco è “una Libia sovrana” e un “processo di riconciliazione inter-libico”, secondo l’invito alla conferenza di oggi a Berlino. Ma il paese è ancora molto lontano da un processo di questo tipo.

C’è un governo internazionalmente riconosciuto a Tripoli guidato da Fayez Sarraj, ma controlla solo una piccola parte della Libia. Nel frattempo, il generale ribelle Khalifa Haftar e le sue milizie stanno mettendo sempre più il governo sotto pressione militare. Haftar controlla la maggior parte del paese, compresi gran parte dei suoi giacimenti petroliferi.

La situazione è ulteriormente complicata dall’intervento di potenze straniere. La Turchia, ad esempio, sostiene il governo di Tripoli – Ankara ora ha anche inviato soldati in Libia. Dall’altro lato, paesi come l’Egitto, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e la Russia appoggiano Haftar e gli offrono più o meno apertamente assistenza militare.

Anche l’Unione europea è divisa sulla questione libica. Si dice che la Francia sostenga Haftar, mentre l’Italia, ex potenza coloniale, è vicina a Sarraj.

Dopo diversi incontri preliminari, il governo tedesco ha invitato i più alti rappresentanti della cancelleria di Berlino: i due rivali, Sarraj e Haftar, i capi di stato e di governo di tutti i principali paesi coinvolti direttamente e indirettamente, nonché i rappresentanti dell’Unione Europea, dell’Unione Africana e della Lega Araba. Poiché l’incontro è supervisionato dalle Nazioni Unite, sarà presente anche il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.
Ma cosa può arrivare a fare questa conferenza? Rainer Breul, portavoce del Ministero degli Esteri tedesco, ha affermato che l’attenzione non è ancora focalizzata sui negoziati di pace.

“L’obiettivo è che gli attori internazionali concordino le condizioni quadro per ridurre la loro influenza sul campo”, ha affermato.

Angela Merkel vede come un buon segno che il presidente russo Vladimir Putin e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, i cui paesi si trovano su diversi fronti nel conflitto libico, abbiano entrambi promesso di venire.

Il significato della conferenza di Berlino, tuttavia, si estende oltre la Libia. Secondo Jürgen Hardt, esperto di politica estera per i democratici cristiani della Merkel, la pacificazione nel paese è “la chiave per l’ulteriore stabilizzazione dell’Africa settentrionale e occidentale. Se riuscissimo a condurre la Libia in un futuro pacifico, sarebbe una pietra miliare per intera regione “.

La conferenza di Berlino “è una tappa importante” per cementare il cessate il fuoco in Libia

La conferenza di Berlino “è una tappa importante” per cementare il cessate il fuoco in Libia. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

All’ultima curva, però, il percorso della conferenza di Berlino sulla Libia sembra nuovamente ingarbugliarsi, con l’esito che appare destinato a rimanere incerto fino alla fine. A far virare all’improvviso la strada verso una salita, alla vigilia, sono state soprattutto le voci che si sono rincorse fino all’ultimo circa una possibile defezione del premier di Tripoli Fayez al-Sarraj.

A creare tensione è stata poi la chiusura dei terminal petroliferi del golfo della Sirte, arrivata dietro ordine di Haftar. Una mossa tesa a prosciugare le finanze dei rivali di Tripoli bloccando le esportazioni ma probabilmente, vista la tempistica, mirata anche a fare sentire tutto il peso dell’uomo forte di Bengasi sulle trattative in corso nella capitale tedesca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *