lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 16 febbraio 2020: scontro tra Rachele Mussolini e l’ex Br Etro

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 16 febbraio 2020: scontro tra Rachele Mussolini e l’ex Br Etro

Anticipazioni per Non è l’Arena di Giletti del 9 maggio

Questa sera, a partire dalle 20.30, andrà in onda su La7 una nuova puntata di Non è l’Arena di Massimo Giletti. L’attenzione sarà come sempre concentrata su temi di stringente attualità.  

Saranno mostrate in esclusiva le prime immagini dell’operazione Tom Hagen. Arrestati Salvatore Casamonica e Lucia Gargano, avvocato di Diabolik. Inchiesta di Francesca Fagnani.

Salvatore Casamonica, esponente apicale dell’omonimo clan e l’avvocato del Foro di Roma, Lucia Gargano “in concorso tra loro e con Fabrizio Piscitelli alias ‘Diabolik‘”, il noto capo ultrà ucciso il 7 agosto 2019 al Parco degli Acquedotti, “hanno contribuito concretamente al perfezionamento di un accordo finalizzato a stabilire la pace fra il clan mafioso Spada e un altro gruppo criminale operante a Ostia capeggiato da Marco Esposito, detto ‘Barboncino’, contribuendo in tal modo a conservare la capacità operativa degli stessi Spada”.

È quanto emerso dalle indagini, coordinate dalla Dda e condotte dagli specialisti del Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Roma, che ha fatto scattare l’operazione della Gdf che ha portato agli arresti di Salvatore Casamonica (già al 41-bis) e dell’avvocato Gargano per il reato di concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso.

Giletti porterà in studio l’ex Br Etro per il confronto con la consigliera comunale Rachele Mussolini


Solidarietà è stata di recente espressa a Rachele Mussolini, esponente di Fratelli d’Italia e consigliera comunale a Roma per la lista “Con Giorgia”, per gli insulti sessisti ed espliciti rivoltile da Raimondo Etro (ex Br)

Da Corriere della Sera:
Chi è Raimondo Etro, 62 anni, è stato condannato in via definitiva a 20 anni e sei mesi per la partecipazione al sequestro Moro e alla strage della scorta di via Fani. Tornato in libertà, nel marzo del 2019 si è visto riconoscere dall’Inps l’assegno relativo al reddito di cittadinanza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net