lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Lazio > Coronavirus, a Roma meno contagiati e pazienti in terapia intensiva

Coronavirus, a Roma meno contagiati e pazienti in terapia intensiva

seconda ondata

Presenti a Roma 26 casi positivi al COVID-19. Ad affermarlo sono i dati della ASL registrati nell’ultimo bollettino. Anche in provincia la situazione è in miglioramento, tranne per la zona coperta dalla Asl Rm 6.

Nel Lazio, a partire dal primo giorno dell’epidemia fino ad oggi sono stati riscontrati 3365 casi positivi, di questi, 1944 sono in isolamento domiciliare, 1229 sono ricoverati non in terapia intensiva, 192 sono ricoverati in terapia intensiva. 

238 è il numero dei pazienti deceduti, mentre le persone guarite sono 546.
Finora all’interno della Regione sono stati esaminati 4149 casi.

Tuttavia, anche se l’ultimo bollettino dei dati emessi dalla ASL sostiene che Roma è in netto miglioramento, l’assessore alla sanità del Lazio Alessio D’Amato, continua a ribadire che non bisogna abbassare la guardia.

“Si conferma il rallentamento del trend che per la prima volta scende sotto al 3% e per la prima volta diminuisce il dato complessivo dei ricoverati nelle terapie intensive passando da 197 di ieri a 192 di oggi. Ora non bisogna mollare.
A Viterbo si registra il dato più basso nelle ultime 24h con 2 casi e zero decessi, mentre Roma città continua il rallentamento con 26 casi. All’Ospedale pediatrico Bambino Gesù sono 6 i pazienti COVID ricoverati, mentre 2 i bambini dimessi ieri. La buona notizia arriva dai 3 neonati e le 2 mamme di Civitavecchia che sono risultati negativi al secondo tampone”.

Purtroppo, sempre a causa del Coronavirus è stato registrato un altro decesso a Ladispoli.

Ad affermarlo in una nota è il sindaco della città Alessandro Grando.

“È da poco giunta una brutta notizia per la nostra città, che ci addolora e ci rattrista ancor di più in questo momento così complicato. È salito a tre il numero dei cittadini di Ladispoli scomparsi a causa del virus Covid-19.
Ho contattato telefonicamente i familiari colpiti dal lutto, rivolgendo loro le mie personali condoglianze e quelle di tutta la Città di Ladispoli.
Ci stringiamo attorno al loro dolore e alla loro sofferenza, per non aver avuto nemmeno la possibilità di assistere il proprio caro nelle ultime ore della sua vita. Continuiamo a pregare per tutte le persone che stanno ancora lottando, affinché possano riabbracciare presto le persone che amano”.

A Fiumicino, invece ci sono 26 persone positive al Covid-19 e 83 in sorveglianza attiva.
A dirlo è il primo cittadino, Esterino Montino.

“Attualmente sono 26 le persone contagiate dal coronavirus, una più di ieri, mentre scendono a 83 quelle in sorveglianza attiva. 
Invece, per quanto riguarda gli equipaggi delle navi da crociere rimangono presso l’Hotel Mercure di Fiumicino, 2 inglesi e 8 russi, che dovevano partire oggi ma il cui volo è stato per ora rimandato a domani mattina. Altri 6, positivi, che erano nell’albergo sono stati trasferiti in un Centro Covid a Roma. È in programma invece per l’11 aprile un volo per far ritornare in Indonesia tutti i negativi attualmente ospitati presso l’Hotel B&B di Parco Leonardo, mentre per i positivi è stata attivata la procedura per il loro trasferimento in un altro Centro Covid di Roma”.

Infine, l’Associazione Cuore Digitale ha aperto una raccolta fondi destinata a medici ed operatori sanitari impegnati negli ospedali Covid di Roma.

Grazie alle donazioni, il 28 marzo, l’ospedale San Filippo Neri, ha dato vita ad un’ intera palazzina destinata al Covid Center.

Inoltre, sempre l’associazione insieme alla cooperativa Pronto Taxi 6645, hanno ideato la campagna “#DonaUnaCorsaTaxi” con l’obbiettivo di accompagnare a casa o al lavoro, in totale sicurezza, lo staff medico e paramedico presenti nelle strutture ospedaliere, che ogni giorno lotta in prima linea per salvare i pazienti affetti dal virus.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net