venerdì, Settembre 25, 2020
Home > Lazio > Dramma Foibe, Forza Italia: “Boris Pahor negazionista, Mattarella ritiri l’onorificenza”

Dramma Foibe, Forza Italia: “Boris Pahor negazionista, Mattarella ritiri l’onorificenza”

dramma foibe

Dramma Foibe, Forza Italia: “Boris Pahor negazionista, Mattarella ritiri l’onorificenza. Occorre restituire dignità ad un intero popolo costretto all’esilio e che ha subito la tragedia delle foibe”

“La via maestra per ridare dignità alle onorificenze della Repubblica italiana, è quella di annullare immediatamente quella conferita a Boris Pahor lo scorso 13 luglio 2020. Il vilipendio, commesso da Boris Pahor, da sempre negazionista sulla tragedia delle foibe, di un intero popolo costretto alla diaspora per scampare al genocidio, non può essere premiato con gli onori dell’Italia”denunciano l’Stefano Mugnai, Vicepresidente del Gruppo Forza Italia alla Camera, l’On. Erica Mazzetti, Deputato Azzurro, di Jacopo Cellai, Capogruppo Forza Italia al Comune di Firenze e Coordinatore cittadino, di Giampaolo Giannelli, Vicecoordinatore Provinciale Forza Italia Firenze.

Una dura presa di posizione che arriva dopo quella del Senatore Maurizio Gasparri che aveva attaccato nei giorni Pahor riportando le sue dichiarazioni negazioniste sul dramma delle foibe.

“Già le cerimonie che avevano visto la presenza del Presidente Mattarella col suo omologo sloveno Borut Pahor – proseguono Mugnai, Mazzetti, Cellai e Giannelli – avevano lasciato l’amaro in bocca alle comunità fiumane, istriane, giuliano-dalmate, con l’amarezza per l’equiparazione tra infoibati italiani e terroristi del Tigr sloveni, nonché la cessione del Balkan, rispetto alla quale Forza Italia aveva espresso profonda contrarietà. Ma quel che risulta assolutamente intollerabile è il conferimento dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica italiana allo scrittore Boris Pahor, che in vari modi, a più riprese, ha sempre negato l’esistenza delle foibe”.

“Nelle foibe sono stati ammazzati dai comunisti slavi migliaia di italiani, che vanno ricordati e onorati anche da Boris Pahor. Lo scrittore non può prendersi una onorificenza facendo il negazionista. Occorre onorare e rispettare la memoria dei nostri connazionali che tanto hanno sofferto per questo immenso dramma. Ecco perché – concludono Mugnai, Mazzetti, Cellai, Giannelli – è indispensabile che si ritiri questa onorificenza perché non può dire che le foibe sono una balla, una menzogna, una bugia. Il rispetto per le vittime e la compartecipazione al profondo dolore che avvenimenti di inaudita violenza hanno prodotto nel tessuto delle nostre comunità si assicura in vari modi: in questo caso lo si faccia ritirando immediatamente questa onorificenza”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *