mercoledì, Settembre 30, 2020
Home > Italia > I bambini binazionali – che cosa dobbiamo sapere

I bambini binazionali – che cosa dobbiamo sapere

san benedetto

I bambini binazionali – che cosa dobbiamo sapere

Riceviamo e pubblichiamo: “In un mondo nel quale l’imperativo pare sia diventato, per scelta o per necessità, la “mobilità”, aumentano le coppie binazionali e le coppie italiane che si trasferiscono all’estero. Come “Sportello Jugendamt” dell’associazione C.S.IN. Onlus), la cui finalità è il sostegno alle famiglie italiane in Germania, riceviamo moltissime telefonate di genitori disperati ai quali l’Amministrazione tedesca per la gioventù, il temuto Jugendamt (da non confondere con il Servizio Sociale!) ha sottratto i figli dopo il loro trasferimento in Germania.

Molti di loro non capiscono come ciò sia possibile, poiché credono erroneamente che la cittadinanza interamente italiana dei loro figli li sottragga alla competenza delle amministrazioni e della magistratura tedesca. Purtroppo non è così e non lo è già da almeno 15 anni. Preoccupante è il fatto che questa informazione non abbia avuto e continui a non avere la dovuta attenzione e visibilità.

Recentemente i giornali hanno parlato di casi di bambini binazionali che, residenti in Italia, sono stati tolti ai genitori ad opera dei servizi sociali italiani. Abbiamo perciò chiesto all’avvocato Irene Margherita Gonnelli, altamente specializzata in casi binazionali, di spiegare brevemente quali sono le norme che regolano questa fattispecie.


Qui di seguito il suo scritto, ispirato al recente caso di cronaca:
La triste vicenda di Jasmin, la ragazza tolta da un tribunale per i minorenni italiano ai genitori, madre italiana e padre inglese, per essere collocata in una struttura, spinge, al di là del merito del provvedimento giudiziario, che verrà discusso nelle sedi opportune, a sollevare l’attenzione sui poteri del giudice in merito ai bambini binazionali.

Come noto, Jasmin è figlia di mamma italiana e di papà inglese. Come può essere allora un giudice italiano a limitare o revocare la responsabilità dei genitori sulla minore, in assenza peraltro – a quanto consta – di dissidi e tanto meno di separazioni tra gli stessi? In ragione dello stesso strumento che, ad esempio, consente, continuamente, al giudice tedesco di togliere un figlio ad una coppia stabile ed unita di cittadini italiani che si trovano in
Germania per lavoro: il regolamento europeo n. 2201/2003, che prevale sulla legislazione nazionale, ed anche sulla legge italiana di diritto internazionale privato n. 218/1995.


Tale regolamento, valido anche per la Gran Bretagna, come da Considerando n. 30 – salvo verificare l’impatto della cd. Brexit al riguardo – si applica “all’attribuzione, all’esercizio, alla delega, alla revoca totale o parziale della responsabilità genitoriale” (art. 1, comma 1 lett. b), ivi compresa “la collocazione del minore in una famiglia affidataria o in un istituto” (art. 1, comma 2 lett. d). Esso conferisce la competenza a decidere sulla responsabilità genitoriale sul minore alla autorità giudiziaria dello Stato in cui il minore risiede abitualmente (art. 8).

E la residenza abituale del minore, come la consolidata giurisprudenza comunitaria e nazionale costantemente ci ricorda (solo per fare un esempio tra i tanti, Corte di Giustizia dell’Unione Europea, 28.06.2018, n. 512), è il luogo in cui si trova il centro della vita del bambino o del ragazzo, e dunque dove questi vive con la famiglia unita, dove va a scuola, dove ha degli amici e dove gioca a calcio o frequenta il corso di ginnastica.

Con la vicenda di questa giovane ragazza italo-inglese, che la vita ha già messo duramente alla prova e alla quale auguro ogni bene insieme ai suoi genitori, credo opportuno cogliere l’occasione di ricordare ai tanti genitori italiani che si trovano all’estero per lavoro, o sono in una coppia binazionale, una realtà talvolta poco conosciuta ma fondamentale: dinanzi all’Unione Europea, la vostra provenienza, la vostra cittadinanza, cedono il passo, e a decidere sui vostri figli, in caso, sarà il giudice del luogo di residenza abituale degli stessi”.

Avv. Irene Margherita Gonnelli
Avvocato del Foro di Siena
Ph.D. Diritto Privato Università degli Studi di Pisa

Dott.ssa Marinella Colombo
Membro della European Press Federation
sportellojugendamt@gmail.com; http://jugendamt0.blogspot.it;
https://www.youtube.com/c/Jugendamt0/videos

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *