sabato, Settembre 26, 2020
Home > Abruzzo > Francavilla al Mare, partono per le vacanze e lasciano morire il cane nel giardino: la denuncia

Francavilla al Mare, partono per le vacanze e lasciano morire il cane nel giardino: la denuncia

FRANCAVILLA AL MARE-  È stato ritrovato privo di vita e avvinghiato alla pompa dell’acqua, il cane, che da circa una settimana si trovava da solo all’interno di un giardino. 

A lasciarlo, i proprietari, che da quasi 7 giorni erano partiti per le vacanze. 


Ad attirare l’attenzione dei vicini di casa, sarebbe stato il forte odore, che subito si sono rivolti alle Forze dell’Ordine. 


Nonostante il tempestivo intervento di Polizia Municipale, ASL e volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, purtroppo per il migliore amico dell’uomo, non c’è stato più nulla da fare. 


A seguito di questa triste vicenda, Piera Rosati, attivista e presidentessa dell’organizzazione no profit, che dal 1950 si batte senza sosta per aiutare gli animali in difficoltà, sul suo profilo Facebook scrive: 


“Morta tra atroci sofferenze a Francavilla al Mare, in provincia di Chieti. Una piccola creatura ipovedente, è stata lasciata sola, senza acqua e senza cibo, dai proprietari partiti per le vacanze. Ha sofferto tanto prima di morire, è rimasta avvinghiata ad una pompa dell’acqua e non è riuscita a liberarsi. E’ morta così, da sola. Non finirò mai di stupirmi della bassezza a cui può arrivare l’essere umano.

Si può partire per le vacanze lasciando il proprio cane, che dovrebbe essere un membro della nostra famiglia, incustodito per una settimana? Cosa passa per la testa di queste persone? Questo fatto di una tristezza infinita e di una gravità estrema è stato segnalato dai vicini quando ormai era troppo tardi. Chiunque sia a conoscenza di situazioni di questo tipo non dovrebbe mai girarsi dall’altra parte. Indipendentemente da come siano i rapporti di vicinato, dall’altra parte c’è una vita che va tutelata e bisogna contattare immediatamente le forze dell’ordine e pretendere un intervento tempestivo. Se tutti lo facessero, forse queste cose non accadrebbero più. Come sempre porterò avanti tutte le azioni possibili e in tutte le sedi opportune per dare giustizia a questa cagnolina e per vedere puniti gli esseri tanto crudeli quanto vili che anziché abbandonarla a sé stessa avrebbero dovuto proteggerla. Michele Pezone Responsabile Ufficio Legale #LNDC ha già predisposto la denuncia”.


Infine, lo stesso Pezone afferma,: “Questo è l’ennesimo grave caso che ci è stato segnalato in questi giorni. Pare che il cane in questione fosse anche ipovedente e dunque ancor più meritevole di particolari attenzioni che invece evidentemente non ha ricevuto”.

Elisa Cinquepalmi 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *