giovedì, Ottobre 1, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film nel pomeriggio in TV: “I Girasoli” sabato 5 settembre 2020

Il film nel pomeriggio in TV: “I Girasoli” sabato 5 settembre 2020

film i girasoli

Il film nel pomeriggio in TV: “I Girasoli” sabato 5 settembre 2020 alle 17.30 su La 7

I girasoli.png

I girasoli è un film del 1970 diretto da Vittorio De Sica ed interpretato da Sophia Loren,Marcello Mastroianni e Ljudmila Savel’eva. La colonna sonora di Henry Mancini fu candidata al Premio Oscar.

Giovanna è alla ricerca di notizie sul marito Antonio, dato per disperso in Unione Sovietica durante la ritirata del 1943, ma le autorità militari ed il Ministero della difesa non sanno darle notizie precise e lei, non accettando che il marito possa essere morto, decide di partire per Mosca, allo scopo di cercarlo personalmente.

La loro storia era iniziata a Napoli, con il fidanzamento avvenuto solo alcuni giorni prima della partenza di Antonio per l’Africa; Giovanna sembrava molto innamorata e aveva pensato di sposarsi, per ottenere al fidanzato una licenza matrimoniale di dodici giorni, sperando che nel frattempo la guerra potesse finire. Antonio, dopo un iniziale scetticismo, accetta: dopo la cerimonia i due partono per il viaggio di nozze, che passano nella sua casa nella provincia lombarda, dove, in prossimità della scadenza della licenza, escogitano un piano per fare passare Antonio per pazzo e farlo riformare.

Il piano tuttavia viene scoperto e, per evitare di finire davanti al Tribunale militare, Antonio è costretto ad offrirsi volontario per il fronte orientale. Alla fine della guerra alla stazione di Milano, Giovanna incontra un soldato che ha condiviso con Antonio i giorni della ritirata dal fronte del Don. Il reduce racconta del loro reparto decimato, degli attacchi dell’Armata Rossa, degli stenti, della fame e del freddo, e di Antonio che, troppo indebolito per proseguire, lascia andare l’amico che negli ultimi giorni lo aveva sostenuto e si lascia cadere nella neve.

Il reduce non è in grado di dire alla donna se Antonio sia morto o se sia sopravvissuto ma la speranza non abbandona Giovanna e, nonostante lo scetticismo della suocera, decide di partire per l’Unione Sovietica per cercarlo. Una volta giunta nella capitale viene accompagnata da un funzionario del Ministero degli esteri sovietico nei luoghi in cui ha combattuto l’ARMIR, ma nei campi di girasoli, dove sono stati seppelliti soldati e civili durante la guerra, nei villaggi e nei cimiteri, di Antonio non vi è traccia ed anche il funzionario, che pazientemente l’ha seguita, la invita a rassegnarsi, traducendole la poesia scolpita sulla lapide che si trova in un immenso cimitero di soldati italiani.

Giovanna continua a rifiutare questa idea e prosegue le ricerche da sola, giungendo infine in un paese dove alcune anziane signore, vedendo la foto di Antonio, le indicano un’isba dove vive Maša, una giovane donna con una figlia piccola, che, vedendo Giovanna, la saluta dicendole “buongiorno”.

La donna, turbata e spaventata dall’arrivo di Giovanna, riesce a spiegarle come abbia trovato Antonio morente. Giovanna corre alla piccola stazione del paese e ritrova Antonio: nel momento in cui i due si vedono, capisce che la permanenza in Unione Sovietica di Antonio è stata frutto di una scelta. Sopraffatta dalla disperazione, sale sul treno senza dire una parola e fa ritorno in Italia.

Qualche tempo dopo Antonio torna in Italia e telefona a Giovanna, nel frattempo trasferitasi a Milano, ma lei si rifiuta di incontrarlo, riferendogli che ora vive con un altro uomo. Dopo poco però cambia idea, e decide di incontrare l’uomo per un’ultima volta. Arrivato a casa Antonio le dice di scappare insieme, ma lei rifiuta perché non vuole rovinare la vita di due bambini, visto che anche lei, successivamente al suo ritorno in Italia, ne ha avuto uno dalla relazione con un collega della fabbrica nella quale lavora (l’uomo che aveva accennato al telefono). La mattina dopo Giovanna accompagna Antonio alla stazione.

Regia di Vittorio De Sica

ConSophia Loren, Marcello Mastroianni e Ljudmila Savel’eva

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *