martedì, Settembre 29, 2020
Home > Italia > Lampedusa, gli abitanti lanciano l’ultimatum al Governo?

Lampedusa, gli abitanti lanciano l’ultimatum al Governo?

lampedusa

LAMPEDUSA – Notte movimentata quella degli abitanti di Lampedusa che hanno deciso di manifestare al porto e bloccare lo spostamento delle persone arrivate con i barconi dal porto al centro accoglienza appena liberato dall’esorbitante numero di precedenti occupanti.

Una situazione non programmata ma che lascia intravedere l’esasperazione degli abitanti di quest’Isola, ormai divenuta “terra di confine” abbandonata da una Europa che non si è mai interessata e da uno stato sordo ed incapace di ascoltare le richieste dei Lampedusani.

Nessuna sfilata di politici e personaggi di spettacolo pronti a intervenire.
i lampedusani dicono basta, ed in tanti si sono recati al porto per bloccare le Forze dell’Ordine impegnate a trasferire i nuovi arrivati nel centro accoglienza.

Manifestazione spontanea verificatasi nel tardo pomeriggio di ieri al porto e diffusasi sull’isola attraverso i social richiamando l’attenzione dei tantissimi lampedusani. Alcuni manifestanti, come si vede nei video postati, si sono distesi per terra, impedendo alle forze dell’ordine di passare e condurre le persone arrivate con i barconi a destinazione.

Fortissimi i momenti di tensione: un elevato numero di persone ha fronteggiato, anche se in maniera pacifica, ma con determinazione, i poliziotti, che ad un certo punto hanno indossato le tenute antisommossa ed i caschi, come si vede bene nei numerosissimi filmati delle dirette realizzati dai cittadini lampedusani.

Il buon senso di chi dirigeva l’operazione ha fatto si che non si arrivasse allo scontro: con grande senso di responsabilità, i poliziotti si sono tolti i caschi, immediatamente ringraziati ed apprezzati da uno scrosciante applauso dei cittadini lampedusani.

“Non fate minchiate – ha detto agli altri qualche cittadino lampedusano – , manteniamo la calma, noi non dobbiamo prendercela con loro (con i poliziotti)”. E ancora: “Noi siamo dalla vostra parte, e voi siete dalla nostra stessa parte. Siamo tutti Italiani e difendiamo tutti l’Italia”.

Tutto questo mentre le donne gridavano: “Indietro gli uomini, avanti le donne, non possono attaccare le donne che sono pacifiche e non vogliono la violenza”.
Sono tutte frasi estrapolate dai video visibili sui vari social, ma che dimostrano lo stato di tensione che vi è a Lampedusa.
Il sindaco, da ciò che si evincerebbe da una telefonata riportata in un video, sembra si trovi a Roma. I cittadini sono rimasti sul posto fin oltre le tre di notte, quando la situazione si è sbloccata perché una delegazione di lampedusani ha acconsentito di trasferire al centro accoglienza le persone sbarcate.

Ma, come ci riferisce Attilio Lucia, nostro contatto sull’Isola che ingraziamo, i lampedusani hanno lanciato una sorta di ultimatum al Governo:
“E’ l’ ultima volta che lasciamo passare queste persone, siamo stanchi di non essere ascoltati e di vedere considerata la nostra isola come deposito di “carne umana”.
Parole forti che non vanno stigmatizzate, ma su cui è necessario fare una riflessione. Senza chiudere gli occhi.

Patrioti in massa al porto di Lampedusa bloccano i furgoni carichi di clandestini: gli Agenti di Polizia si schierano con il Popolo per rispetto dei cittadini di Lampedusa che ricambiano il gesto con un sonoro applauso. Finalmente!Video di Libera Espressione

Pubblicato da La notizia che non sapevi 2 su Mercoledì 9 settembre 2020

Patrioti in massa al porto di Lampedusa bloccano i furgoni carichi di clandestini: gli Agenti di Polizia si schierano con il Popolo per rispetto dei cittadini di Lampedusa che ricambiano il gesto con un sonoro applauso. Finalmente!Video di Libera Espressione

Pubblicato da La notizia che non sapevi 2 su Mercoledì 9 settembre 2020

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

One thought on “Lampedusa, gli abitanti lanciano l’ultimatum al Governo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *