lunedì, Settembre 28, 2020
Home > Anticipazioni TV > Il film storico stasera in TV: “Il patto dei lupi” venerdì 11 settembre 2020

Il film storico stasera in TV: “Il patto dei lupi” venerdì 11 settembre 2020

film il patto dei lupi

Il film storico stasera in TV: “Il patto dei lupi” venerdì 11 settembre 2020 alle 21:00 su IRIS (Canale 22) 

Pattodeilupi-2001.png

Il patto dei lupi (Le Pacte des loups) è un film del 2001 diretto da Christophe Gans, con Samuel Le BihanMark Dacascos, Jérémie Rénier, Vincent Cassel ed Émilie Dequenne ispirato alla vicenda storica della Bestia del Gévaudan.

1764: nelle campagne francesi del Gévaudan, uomini e animali vengono assaliti e uccisi da una belva feroce, con assalti caratterizzati da una straordinaria violenza. In tre anni uccide oltre 100 persone e vani sono risultati i tentativi di catturarla. Il re Luigi XV decide di inviare nella regione il cavaliere Grégoire De Fronsac, accompagnato da un compagno irochese Mani, per catturare ed imbalsamare l’animale. Al loro arrivo salvano Jean Chastel, un anziano guaritore, e sua figlia da un attacco di soldati. Inizialmente Fronsac è scettico sull’esistenza della bestia: dalle informazioni dei sopravvissuti e dai morsi inflitti sui cadaveri, deduce che abbia un peso approssimativo di 227 kg e durante le battute di caccia del capitano Duhamel, solo lupi vengono rilevati.

Nella sua permanenza a Gévaudan, Fronsac si innamora della nobile Marianne de Morangias e fa conoscenza con il fratello Jean-François, che fu cacciatore e viaggiatore prima di perdere un braccio a causa di un leone in Africa. Durante le investigazioni, Grégoire trova un dente d’acciaio in un cadavere e una bambina sopravvissuta giura che la bestia sia controllata da un umano. A causa delle infruttuose ricerche, Duhamel e Fronsac vengono sollevati dal loro incarico e quest’ultimo viene anche cacciato dalla regione. Prima di imbarcarsi, Mani e Fronsac vengono richiamati dal giovane Marquis d’Apcher, il quale consegna uno scritto di Marianne che reinserisce nella ricerca i due protagonisti.

Ritornati a Gévaudan, Grégoire incontra Marianne presso una casa del villaggio e vengono attaccati dalla bestia. Nonostante l’animale avesse appena ucciso un uomo, si ferma davanti a Marianne e fugge al richiamo del suo padrone. Marquis d’Apcher, Fronsac e Mani preparano nella foresta delle trappole, ma la bestia si rivela intelligente e fugge nonostante le ferite. Mani la insegue fino al suo riparo, una tenuta di caccia che scopre essere il rifugio di Jean Chastel e di una banda di zingari. Dopo un violento scontro, Mani viene ucciso da un colpo di proiettile alla schiena e viene abbandonato nel bosco.

Grégoire scopre l’accaduto e durante l’autopsia sul corpo dell’amico, rinviene una pallottola d’argento, firma del nobile Jean-François de Morangias. Decide così di attaccare la tenuta appiccando del fuoco, trovando la tana della bestia e uccidendo molti occupanti. Nella casa rinviene inoltre una stampa a caratteri mobili e pile di copie dell’L’Édifiante, libro propagandistico in cui si teorizza la presenza della bestia come punizione del re per la sua indulgenza sui filosofi, concludendo che l’Illuminismo era un’eresia.

All’alba Grégoire brucia il corpo di Mani, in modo che secondo le usanze indiane possa ritornare dai suoi avi, ma viene raggiunto dal prete Henri Sardis, accusato di disordini dalle autorità locali ed infine imprigionato. Sylvia gli fa visita in prigione, rivelandogli che è una spia, inviata dal papa per uccidere Sardis, il quale aveva fondato una società segreta che utilizzava la bestia per moralizzare il re e proteggere la parola di Dio a qualunque costo. I congiurati non agivano per conto della Chiesa e l’associazione era stata istituzionalizzata con il patto dei lupi. Sylvia avvelena Grégoire provocandogli un coma e viene ritenuto da tutti morto e quindi seppellito.

Sardis decide di uccidere Marianne a seguito della sua minaccia di riferire al re gli avvenimenti e incarica Jean-François dell’operazione, in modo che possa anche togliersi di dosso l’incestuosa brama sulla sorella. Jean-François cerca di convincere Marianne a fuggire con lui e in seguito al suo rifiuto, le rivela l’esistenza del suo secondo braccio e di essere il padrone della bestia. Marianne capisce che il legame di sangue l’aveva protetta dalla bestia e cerca di fuggire, ma Jean-François la violenta e l’abbandona morente.

Sylvia e dei compagni dissotterrano il corpo di Fronsac e si presentano ad un sermone della comunità di congiurati. Fronsac uccide Jean-François, mentre numerosi zingari vengono uccisi e i nobili catturati dai soldati del capitano Duhamel. Mentre Sardis fugge sulle montagne e viene ucciso da un branco di lupi, la bestia che si rivela essere simile ad un leone viene uccisa.

Regia di Christophe Gans

Con: Samuel Le BihanMark Dacascos, Jérémie Rénier, Vincent Cassel ed Émilie Dequenne

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *