sabato, Gennaio 23, 2021
Home > Italia > Tridico nel mirino: il suo stipendio lievita, mentre gli italiani annaspano

Tridico nel mirino: il suo stipendio lievita, mentre gli italiani annaspano

inps

Tridico nel mirino: il suo stipendio lievita, mentre gli italiani annaspano

“Sono rimasto sorpreso dal modo in cui è stata gestita questa storia, soprattutto sul web. La vicenda ha suscitato centinaia di commenti, che hanno anche portato minacce e insulti alla mia persona. Non ho deciso io l’aumento e non mi è stato riconosciuto alcun arretrato di 100mila euro”. Lo afferma Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, in una lettera a Repubblica. Il giornale ha risposto: Questo è quanto scritto scritto in documenti interministeriali”.

Il quotidiano ha infatti precisato che l’articolo “riportava fedelmente il contenuto di documenti ufficiali, come il decreto interministeriale che aumenta i compensi dalla data di nomina del presidente, ed era redatto in modo da autorizzare il riconoscimento degli arretrati”.

Tridico considera il modo in cui è stata trattata la notizia come un tentativo politico di attaccare il governo Conte. Questa la dichiarazione resa infatti a La Stampa: “Attaccano me per gettare fango sul governo”. E ribadisce che non ha alcuna intenzione di dimettersi.

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, l’incremento di stipendio di 50.000 euro lo porterebbe a 150.000 euro, il 50% in più rispetto al reddito del suo predecessore Tito Boeri.

La vicenda ha suscitato lo sdegno di maggioranza ed opposizione, e ora in molti vogliono che Tridico si dimetta. Nel frattempo, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha assicurato: “Non sono stato informato della questione. Voglio approfondirla ulteriormente. Poi, condurrò una valutazione più esauriente”. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha annunciato: “Chiederò chiarimenti nelle prossime ore”.

“Da Tridico a triplico. Quando scopri – scrive la Leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sul proprio profilo Facebook – che al presidente dell’INPS Tridico, tanto caro al M5S, è stato quasi triplicato lo stipendio capisci che siamo in una Italia a due velocità: quella degli amici dei grillini che prendono stipendi spropositati nonostante i risultati scadenti e quella dei cittadini comuni che non hanno amici nei Palazzi e aspettano ancora la cassa integrazione. Sono bastati due anni al potere per svelare la vera natura dei nemici della casta. Fossi il presidente del consiglio chiederei le dimissioni del presidente INPS. Cosa intende fare, invece, Giuseppe Conte?”

Il centrodestra è compatto nel chiedere le dimissioni di Tridico.

“Il presidente dell’Inps – scrive sui social il Leader della Lega Matteo Salvini – si raddoppia lo stipendio mentre tantissimi italiani stanno ancora aspettando la cassa integrazione? Incredibile arroganza, vergognosa irresponsabilità.In qualunque Paese serio la conseguenza sarebbe solo una: dimissioni, dimissioni, dimissioni!”

Lucia Mosca

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *