mercoledì, Novembre 25, 2020
Home > Marche > Regione Marche, progetto riuso: un questionario da compilare

Regione Marche, progetto riuso: un questionario da compilare

regione marche

La Regione Marche, PF Bonifiche, Fonti Energetiche, Rifiuti e Cave e Miniere partecipa in qualità di partner al Progetto Europeo 2LIFES – Promoting Re-use from the Public Policies (promuovere il riuso attraverso le politiche pubbliche) dal programma INTERREG EUROPE. Il capofila è EMULSA, Municipal Company of Urban Environment Services of Gijon (ES).

L’Europa deve accelerare il suo ingresso nell’era del riuso. La vecchia equazione dell’economia lineare “produrre, usare e buttare” non è più valida. Tuttavia, una parte significativa di beni riutilizzabili come elettrodomestici ed AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), libri, vestiti, mobili e cibo, viene ancora sprecata e smaltita in discarica.

Il progetto vuole essere uno strumento per contribuire a promuovere il riuso attraverso le politiche pubbliche.

A differenza dei precedenti progetti di prevenzione dei rifiuti a cui la Regione ha partecipato, 2LIFES si concentra esclusivamente sul riuso e più specificamente sulle attività di riutilizzo promosse dalle pubbliche amministrazioni, un aspetto ancora solitamente promosso dal terzo settore.

Con la partecipazione a questo progetto, la Regione Marche intende trovare nuove soluzioni per integrare e migliorare la rete di centri di riuso già operativa sul territorio, migliorare ed aggiornare il Programma Regionale di Prevenzione dei Rifiuti individuando nuovi obiettivi e nuove attività riguardanti il riutilizzo di materiali e oggetti.

I principali risultati attesi sono un aumento delle competenze dei partners nella pianificazione e nello sviluppo di iniziative sul riuso, una maggior sensibilizzazione delle famiglie, delle imprese e delle amministrazioni sulla necessità di modificare i modelli di consumo e sostituire il vecchio paradigma del “produrre, utilizzare, scartare” con uno nuovo che metta al centro la prevenzione e il riutilizzo di beni ancora in grado di svolgere efficacemente la loro funzione originaria.

Link al sito ufficiale: https://www.interregeurope.eu/2lifes/

Link al sito Regionale: http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Ambiente/Rifiuti-e-inquinamento/Progetti-Europei#2-Lifes

Studio psicosociale sulle barriere al riutilizzo per diversi gruppi di popolazione e per prodotti riutilizzabili attraverso indagini e analisi

Il progetto prevede lo sviluppo di uno Studio psicosociale riguardante le barriere sociali e culturali nei confronti del riutilizzo di beni che possono essere ri-usati (Psychosocial Study on barriers to re-use).

Lo Studio fornirà una relazione finale in cui vengono individuati sia i gruppi di popolazione scettici nei confronti del riuso di specifici beni che possono essere riusati, sia le motivazioni riscontrate.

A tal fine è stato predisposto un questionario da sottoporre a soggetti appartenenti a diverse realtà sociali per raccogliere dati utili e garantire il migliore risultato.

La compilazione del questionario è anonima e richiederà un tempo massimo di 20 minuti.  Le domande sono vincolanti, pertanto il sistema consentirà di proseguire solo dopo aver risposto alla domanda precedente.

Questo è il link al questionario:

http://questionari.regione.marche.it/index.php/358673

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *