domenica, Dicembre 5, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Sigismondo” di Rossini del 12 gennaio alle 10 su RAI 5: dal Teatro Rossini di Pesaro

Anticipazioni per “Sigismondo” di Rossini del 12 gennaio alle 10 su RAI 5: dal Teatro Rossini di Pesaro

sigismondo

Anticipazioni per “Sigismondo” di Rossini del 12 gennaio alle 10 su RAI 5: con la regia di Damiano Michieletto e la direzione di Michele Mariotti dal Teatro Rossini di Pesaro

Comune di Pesaro : Abbonamenti alla Stagione di Prosa & Danza 2018-19

Per la Grande Musica Lirica in TV in onda oggi martedì 12 gennaio alle 10 su RAI 5 l’opera “Sigismondo” di Rossini nell’allestimento andato in scena nel 2010 dal Teatro Rossini di Pesaro per la 31ma edizione del R.O.F. con la regia di Damiano Michieletto e la direzione di Michele Mariotti per l’interpretazione di Daniela Barcellona e Andrea Concetti..

Sigismondo è un’opera lirica di Gioachino Rossini. Il libretto, denominato “Dramma in due atti”, è di Giuseppe Maria Foppa, che aveva già scritto per Rossini i libretti di tre farse veneziane (L’inganno feliceLa scala di seta e Il signor Bruschino).

Il libretto di Francesco Aventi, un dramma con cori per musica in due atti, è basato sul libro biblico di Daniele (Cap. 5, 1–30). La prima rappresentazione ebbe luogo il 14 marzo 1812 al Teatro comunale di Ferrara con Marietta Marcolini ed Elisabetta Manfredini. Sebbene Rossini lo definisse “uno dei miei fiaschi”, l’opera ebbe una buona accoglienza, testimoniata da decine di riprese negli anni successivi (lo stesso Stendhal la definì “opera piena di grazia”). Nonostante ciò, si tratta di uno dei lavori più deboli del pesarese.

L’opera fu rappresentata la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia il 26 dicembre 1814 senza riscuotere successo. Una parte dell’insuccesso fu dovuta al soggetto già utilizzato da Foppa nella farsa L’inganno felice: una moglie fedele (Isabella/Aldimira) insidiata da un seduttore (Ormondo/Ladislao) viene da lui calunniata presso il marito (Bertrando/Sigismondo), che ne ordina la condanna a morte; tale condanna, tuttavia, non viene eseguita, e la donna trova rifugio presso un uomo pietoso (Tarabotto/Zenovito) che l’aiuta a dimostrare la sua innocenza.
L’opera, dopo una discreta circolazione (CremonaReggio EmiliaPadova e Senigallia nel 1819, Firenze e Siena nel 1820, Porto nel 1822 e infine Bologna nel 1827) scomparve dai cartelloni. Le prime rappresentazioni moderne furono nel 1992 a RovigoSavona e Treviso, con una giovane Sonia Ganassi nel ruolo del titolo, e in seguito a Praga nel 1995. Recentemente ha aperto la trentunesima edizione del Rossini Opera Festival del 2010 con Daniela Barcellona. Nel 2016 l’opera viene rappresentata al Belcanto Opera Festival di Bad Wildbad.

Parte della musica fu utilizzata da Rossini (Elisabetta, regina d’InghilterraIl barbiere di SivigliaLa Cenerentola).

Trama

La scena è parte in Gesna, antica capitale della Polonia, e parte in alcune selve e luoghi montuosi non molto discosti dalla medesima.

L’opera si apre con la pazzia di Sigismondo: egli teme la vendetta di Ulderico, padre della moglie Aldimira, che ha fatto uccidere per infedeltà. In verità Aldimira è viva, ed è stata vittima di una trappola del perfido Ladislao, che ha inventato tutto.

Aldimira incontra di nuovo Sigismondo, sotto falso nome, seducendo il re, che la vuole sua sposa; lei accetta, ma vuole rivedere il genitore, che sta proprio per scontrarsi con Sigismondo.

Ladislao intanto rivela a Ulderico il delitto e che Aldimira non è viva, scatenando l’attacco. Sigismondo perde, ma salva Aldimira dalla spada di Ladislao.

L’inganno viene svelato, Ladislao è incarcerato, e l’opera si conclude nel tripudio generale.

Numeri musicali

  • Sinfonia

Atto I

  • 1 Introduzione O prence misero (Coro, Ladislao, Anagilda, Radoski)[1]
  • 2 Cavatina Non seguirmi! Omai t’invola (Sigismondo)
  • 3 Scena e Cavatina Oggetto amabile (Aldimira)
  • 4 Coro Al bosco, alla caccia!
  • 5 Aria Vidi…ah no, che allor sognai (Ladislao)
  • 6 Duettino Un segreto è il mio tormento (Sigismondo, Aldimira)[2]
  • 7 Aria Tu l’opra tua seconda (Zenovito)
  • 8 Duetto Perché obbedir disdegni? (Ladislao, Aldimira)[3]
  • 9 Finale primo Quale, o Ciel, d’idee funeste (Sigismondo, Aldimira, Ladislao, Zenovito, Coro, Anagilda, Radoski)

Atto II

  • 10 Introduzione seconda In segreto a che ci chiama? (Coro)[4]
  • 11 Coro Viva Aldimira!
  • 12 Duetto Tomba di morte e orrore (Aldimira, Sigismondo)
  • 13 Aria Sognava contenti (Anagilda)
  • 14 Cavatina Giusto ciel, che i mali miei (Ladislao)[5]
  • 15 Scena e Aria Ah signor, nell’alma mia (Aldimira, Coro)
  • 16 Quartetto Genitor, deh, vien! (Aldimira, Sigismondo, Ladislao, Ulderico)
  • 17 Coro, gran scena e Aria Alma rea! Il più infelice (Sigismondo)
  • 18 Finale secondo Qual felice amico giorno (Aldimira, Sigismondo, Ulderico, Ladislao, Coro)