lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Marche > Osimo, “un anno a 5 Stelle”: i provvedimenti adottati dal MoVimento

Osimo, “un anno a 5 Stelle”: i provvedimenti adottati dal MoVimento

osimo

Osimo, “un anno a 5 Stelle”: i provvedimenti adottati dal MoVimento

OSIMO – Lo scorso 23 febbraio  correva l’anniversario del  primo anno in Consiglio Comunale della consigliera Caterina Donia del Movimento 5 Stelle di Osimo: un periodo di rodaggio intenso vissuto nella consapevolezza di vivere una fase politica delicatissima, fatta di cambiamenti ed innovazione, caratterizzato dalle difficoltà della pandemia e dalla necessità di lavorare in remoto, la pandemia ha limitato la libertà e le attività di ognuno ma ci ha anche costretti ad un salto tecnologico importante che speriamo rimanga come patrimonio e sia sfruttato anche in futuro, quando utile.

Molti sono i risultati concreti ottenuti dal Movimento 5 Stelle ad Osimo, sempre attento ad instaurare un continuo e proficuo confronto con le altre forze politiche, nonostante le diversità di vedute, per rispondere ai bisogni dei cittadini osimani.

Il Movimento 5 stelle nell’ultimo anno di consiliatura ha effettuato le seguenti azioni per Osimo:

Emendamenti:

-Emendamenti al del Bilancio di Previsione 2020/2022: la proposta del Movimento era quella di non gravare l’intera cittadinanza con un maggiore peso erariale previsto a Bilancio di Previsione 2020-2022 e, dunque, sono stati presentati emendamenti per ripristinare, per l’intero triennio, le aliquote dell’addizionale comunale Irpef a scaglioni proporzionali al reddito, secondo quanto applicato fino al 2019. Abbiamo proposto di destinare Euro 30.000,00 annui, allocate in Bilancio alla Cultura, al Soccorso Civile sempre impegnato negli interventi di prima assistenza alla cittadinanza durante tutto il periodo del Covid.

Abbiamo proposto minori debiti per accensione mutui e altri finanziamenti a medio lungo termine, per Euro 4.000.000,00, con conseguente riprogrammazione delle spese ad essi collegati quali la realizzazione della biblioteca e del Pala-scherma.

Abbiamo richiesto l’abbassamento delle aliquote Imu che grava sui terreni edificabili, come già emendato nel Bilancio 2019, riducendo i consumi relativi all’illuminazione pubblica con la sostituzione di luci a Led.  

Da anni il Movimento si batte a fianco del Comitato No Prg 2005 contro l’ingiustizia dell’Imu che centinaia di proprietari osimani sono costretti a pagare a seguito di piani di lottizzazione mai ultimati e con relative responsabilità da non attribuire ai singoli cittadini che stanno pagando le conseguenze.

Mozioni :

– Mozione per “intitolare le grotte del Cantinone a Roberto Mosca”, il primo a battersi per rendere fruibile al grande pubblico una bella attrazione turistica come, appunto, le grotte e che ha rappresentato per tutta la comunità osimana un importante punto di riferimento per il suo grande impegno nel campo culturale, imprenditoriale e sociale.  Mozione emendata ed APPROVATA.

– Mozione “Bilancio Partecipato”, affinché i cittadini possano partecipare alle scelte della spesa pubblica alla previsione di investimento, influenzare le scelte e priorità politiche e quindi “decidere” attivamente le politiche future. L’amministrazione attraverso il bilancio partecipato dovrà rendicontare l’operato dell’amministrazione, gli investimenti fatti e gli interventi previsti. È indispensabile coinvolgere e per raccogliere le idee e i suggerimenti della cittadinanza. Mozione APPROVATA.

– Mozione “Plastic Free Challenge”, per contribuire ad eliminare la plastica usa e getta dalle sedi comunali, dagli enti o istituzioni partecipate e/o controllate e dagli Istituti Scolastici e ad attuare importanti campagne di sensibilizzazione ed educazione ambientale nel Comune, dirette ai cittadini tutti, imprese e commercianti per promuovere il consumo consapevole e la corretta gestione dei rifiuti e porre il divieto di utilizzo dei contenitori e delle stoviglie in plastica monouso non biodegradabili in occasione delle manifestazioni, sagre, fiere e mercati organizzate nel territorio comunale. Mozione APPROVATA.

Condivise con altre forze politiche 

  • Mozione sul “Regolamento per l’attribuzione degli incarichi tecnici e per l’affidamento dei lavori pubblici di importo inferiore a 40.000 €” in cui si impegnava l’amministrazione a  dotarsi di un regolamento che consenta l’attribuzione degli incarichi sotto-soglia in base all’attitudine e all’esperienza risultanti dal curriculum, in rispetto delle specifiche competenze previste dai rispettivi regolamenti professionali e che tenda a assegnare gli incarichi in maniera il più possibile equa anche sotto l’aspetto economico, a evitare il cumulo degli incarichi, a promuovere anche le giovani professionalità e a privilegiare quelle locali; e a dotarsi di un analogo regolamento per l’assegnazione di lavori pubblici di valore sotto-soglia alle imprese private.
  • Mozione “digitalizzazione del SUAP e del SUEP” per avviare e completare il processo di digitalizzazione del SUEP (sportello unico edilizia) e SUAP (sportello unico attività produttive) e permettere di semplificare i processi, ridurre i tempi di attesa, monitorare lo stato di avanzamento delle pratiche e verificare la disponibilità del Collegio dei Geometri della Provincia di Ancona a collaborare al processo di digitalizzazione.
  • Mozione “mappatura barriere architettoniche presenti nel comune di osimo e adozione del piano di eliminazione delle barriere architettoniche – P.E.B.A.” affinché Osimo e il suo territorio sia priva di barriere architettoniche e i cittadini diversamente abili abbiano il diritto di circolare e fruire liberamente di tutti i luoghi, gli spazi e gli edifici comunali. Il nostro territorio, purtroppo, presenta numerosi punti di criticità che rendono difficoltosa, se non impossibile, la libertà di spostamento delle persone che presentano problemi di disabilità.

Interrogazioni :

  • Interrogazione seconda fase reddito di cittadinanza e adempimenti da parte del Comune, per sollecitare l’Amministrazione comunale affinché i percettori del Reddito di Cittadinanza venissero impiegati, per almeno 8 ore settimanali, a svolgere attività non retribuite in svariati ambiti senza oneri a carico per il Comune.

Nell’ambito dei Patti per il lavoro e/o per l’inclusione sociale, i percettori del Reddito di Cittadinanza sono tenuti a svolgere Progetti Utili alla Collettività (#PUC) nel Comune di residenza.

Oltre a essere un obbligo, i PUC sono anche motivo di inclusione, dignità e crescita per i beneficiari e per la collettività.

Durante il periodo di esecuzione delle prestazioni sociali, i beneficiari del Reddito di Cittadinanza dovranno continuare la ricerca di un’attività lavorativa avvalendosi dei Centri per l’Impiego.

0 in svariate prestazioni sociali.

Attività :

“Facciamo Ecoscuola”: 30.000,00 Euro alle scuole pubbliche di Osimo dal Movimento  Stelle. 

È un’iniziativa promossa d0al Movimento 5 stelle il cui obiettivo è quello di sostenere gli Istituti scolastici in piccole spese utili a migliorare sia le strutture scolastiche che la loro didattica, con un focus specifico sulla sostenibilità ambientale, la sicurezza degli edifici e l’eliminazione di barriere architettoniche.

I fondi donati alle scuole derivano dal taglio volontario delle indennità dei portavoce del Movimento 5 Stelle, fondi restituiti dai parlamentari.

Le scuole che hanno partecipato hanno presentato l’idea progettuale senza doversi iscrivere alla piattaforma del Movimento, né dare visibilità a “Facciamo EcoScuola” né partecipare ad iniziative politiche. 

Fra le 28 scuole Marchigiane l’Istituto I.I.S. “Laeng Meucci” di Osimo si è classificato al 1° posto in tutte le Marche, con 106 voti, ed ha ricevuto un fondo di Euro 20.000,00. Il Progetto presentato dall’Istituto è intitolato “Sicurezza e riqualificazione – riprendiamo i nostri spazi!” ed è rivolto alla “Rigenerazione degli spazi scolastici” consistenti nella rivalutazione di in un campetto dismesso ed una area verde inutilizzata.

L’Istituto Comprensivo “Fratelli Trillini” di Osimo è arrivato al 4° posto nelle Marche e si è aggiudicato un fondo da Euro 10.000,00. L’Istituto ha presentato un progetto intitolato “Aula 3.R: Recupero, Riciclo, Riutilizzo” e la vision del progetto è riqualificare gli spazi scolastici riducendo l’impatto ambientale attraverso scelte più ecologiche. Si vuole recuperare un’aula dell’istituto scolastico “Marta Russo” con materiali ecologici e riciclabili offrendo anche alla comunità del territorio uno spazio per l’organizzazione di eventi culturali.

Il M5S di Osimo è orgoglioso per il successo dei progetti presentati dalle scuole Osimane che non sono rimasti sogni ma si sono tramutati in realtà. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net