domenica, Aprile 11, 2021
Home > Abruzzo > Teramo, la Provincia passa a “pagoPa”: tutti i pagamenti si possono fare in remoto

Teramo, la Provincia passa a “pagoPa”: tutti i pagamenti si possono fare in remoto

teramo

Teramo, la Provincia passa a “pagoPa”: tutti i pagamenti si possono fare in remoto

Teramo – La Provincia di Teramo ha completato l’attivazione della piattaforma digitale “pagoPa” attraverso la quale è possibile svolgere tutti gli adempimenti relativi a tributi, tasse, utenze bolli o a qualsiasi altro di tipo di pagamento senza varcare le porte dell’Ente, utilizzando gli strumenti normalmente a disposizione (cellulari e computer per l’home banking) dal tabaccaio (punti Sisal, Lottomatica e Banca 5) alle Poste o in Banca, infine con la carta di credito per l’app IO (tutta la Pa a portata di mano). Per effettuare pagamenti dal proprio conto corrente online bisogna verificare che la banca che scelta abbia aderito al sistema di pagoPa; una condizione che si evidenzia per la presenza dei loghi CBILL o pagoPA sulla piattaforma home banking.

Dal 28 febbraio quindi – che cade oggi ma è la data fissata dal Decreto Semplificazione e Innovazione per il passaggio ai servizi digitali – entrando nella sezione pagoPa del sito dell’ente

https://www.provincia.teramo.it/aree-tematiche/innovazione-e-comunicazione/pagopa/

si può accedere al servizio di proprio interesse, seguire la procedura digitale e scegliere di pagare da casa o stampare il bollettino che si potrà pagare in tabaccheria, alle Poste o in banca.

“Fino ad oggi, nella pubblica amministrazione, si è proceduto a piccoli passi ma la pandemia ci ha costretti ad una decisa accelerazione rispetto ai servizi digitali, in Provincia abbiamo ancora molto da lavorare ma certamente il passaggio compiuto rappresenta un bello stacco per semplificazione della vita dei cittadini” commenta il presidente Diego Di Bonaventura.

Il nuovo servizio è stato promosso con una campagna social (Instagram e Facebook) realizzata all’interno dell’ente, e quindi senza pesare sul bilancio,  che ha utilizzato uno storytelling con protagonisti i piccoli amici dell’uomo, cani e gatti, per l’occasione “umanizzati” con conversazioni surreali attorno al claim “il 28 succede un 48”. 

teramo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *