venerdì, Aprile 16, 2021
Home > Marche > Tentano di fuggire al controllo sul litorale fermano: inseguiti e presi

Tentano di fuggire al controllo sul litorale fermano: inseguiti e presi

Tentano di fuggire al controllo sul litorale fermano: inseguiti e presi

Quale fosse l’abitazione che volevano depredare non si può sapere ma certamente l’intervento della Volante della Polizia di Stato ha evitato che il loro crimine fosse portato a termine.

Nel tardo pomeriggio di ieri, dopo il tramonto, nel corso dei controlli della Volante, gli operatori hanno notato una utilitaria di colore scuro che percorreva lentamente una via interna del litorale fermano.

Insospettiti da tale comportamento e notata la presenza all’interno del veicolo di tre persone indossanti la mascherina di protezione che ne occultava il viso, i poliziotti hanno invertito la marcia e hanno seguito per alcune centinaia di metri il veicolo per procedere al controllo degli occupanti.

Il conducente dell’autovettura, accortosi della Volante, ha accelerato l’andatura determinando un inseguimento che si è protratto per circa un chilometro fino a quando la pattuglia della Polizia di Stato è riuscita a fermare il veicolo in una strada stretta.

Gli occupanti sono stati fatti scendere ed identificati per tre persone quasi cinquantenni, due uomini ed una donna, residenti nell’entroterra fermano, con precedenti per reati contro il patrimonio ed in “missione” sulla costa, uno dei quali già colpito dalla misura di prevenzione dell’Avviso Orale del Questore per i reati commessi negli anni passati.

La perquisizione personale non ha portato al rinvenimento di oggetti illegalmente detenuti mentre quella dell’autovettura ha consentito di ritrovare molti arnesi atto allo scasso di porte ed infissi.

I tre sono stati accompagnati in Questura dove sono stati fotosegnalati dalla Polizia Scientifica e il conducente del veicolo, che si è dichiarato proprietario degli arnesi rinvenuti e sequestrati, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli.

Inoltre, sempre al conducente, cittadino straniero irregolare sul territorio nazionale con permesso di soggiorno scaduto da quasi un anno, è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per i provvedimenti di competenza.

I tre soggetti sono stati, infine, sanzionati per la violazione dello spostamento dalla residenza senza una valida causa di giustificazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *