lunedì, Ottobre 25, 2021
Home > Italia > Al via il CCLC ed il servizio Secundum Legem per risolvere problematiche sulla gestione Covid

Al via il CCLC ed il servizio Secundum Legem per risolvere problematiche sulla gestione Covid

secundum legem

Al via il CCLC ed il servizio Secundum Legem per risolvere problematiche sulla gestione Covid

Partecipazione, consapevolezza attiva, cambiamento. Sono queste le parole d’ordine del Comitato culturale per la libertà consapevole, una nuova struttura, nata in questi giorni in Veneto, che, attraverso l’informazione, la conoscenza, la partecipazione e la consapevolezza attiva e concettuale, ha come obiettivo quello di sviluppare un cambiamento all’interno della società, guardare le cose con maggior chiarezza attraverso la progettazione di eventi, serate ed incontri.

L’idea è sviluppare un’evoluzione culturale all’interno della società: “Pensiamo che l’unione di tutti questi concetti appena elencati possano effettivamente portare l’individuo ad agire, operare, essere libero” spiega Fabrizio Viti, socio fondatore e tesoriere del Comitato. Un primo evento il gruppo lo ha già lanciato e tra i protagonisti abbiamo visto anche la preside più famosa d’Italia Solange Hutter e il Costituzionalista Daniele Trabucco.

Proprio il prof. Trabucco è “padre”, insieme allo stesso Fabrizio Viti, di “Secundum legem”, un servizio operativo del Comitato volto a fornire assistenza legale a quanti, a vario titolo, devono districarsi nella “selva oscura” della normativa emergenziale tanto statale, quanto regionale. A questa iniziativa hanno aderito docenti universitari e avvocati i quali intendono mettere a disposizione le loro competenze per rispondere efficacemente, con gli strumenti offerti dall’ordinamento costituzionale, a tutte quelle situazioni critiche che coinvolgono da vicino i cittadini. “La gestione dell’emergenza da parte del Governo della Repubblica e della Regione del Veneto, con le drammatiche ricadute nel settore economico, sociale e sanitario (si pensi solo ai rinvii di tutta l’attività extra-Covid-19), ha determinato – evidenzia il prof. Trabucco – una fibrillazione dello Stato di Diritto, mettendo in discussione le stesse libertà costituzionali. “Secundum legem” sarà il baluardo per la difesa e la tutela dei diritti di tutti, consapevole che la dignità di ogni donna e di ogni uomo non potrà mai essere ridotta a “sopravvivenza biologica”.Il Comitato vanta come presidente la dottoressa Rosanna Golino, come vicepresidente Adriano Longo e come segretario il dottor Giovanni Salviati. Per contattare il comitato: info@cclcveneto.it e ricorsisecundumlegem@cclcveneto.it e www.cclcveneto.it.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net