martedì, Aprile 13, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Frontiere” del 3 aprile su Rai 3: “Sotto il cielo del Congo”

Anticipazioni per “Frontiere” del 3 aprile su Rai 3: “Sotto il cielo del Congo”

frontiere

Anticipazioni per “Frontiere” di Franco Di Mare del 3 aprile alle 16.30 su Rai 1: “Sotto il cielo del Congo”

(none)

Su Rai3 tra gli ospiti di Franco Di Mare il ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Dal 2017 l’ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo era Luca Attanasio: giovane, brillante, generoso, ricco di curiosità e umanità, ucciso lo scorso 22 febbraio in un agguato in una parte d’Africa che cercava di aiutare, insieme al carabiniere che ha tentato di fargli da scudo con la sua stessa vita. “Sotto il cielo del Congo” è la puntata di “Frontiere”, in onda sabato 3 aprile alle 16.30 su Rai3, che racconterà la vita dell’ambasciatore, il suo grande amore per l’Africa, il giallo legato alla sua morte, la storia tragica di un paese ricchissimo, il Congo, e la passione sofferente della sua popolazione in attesa di una rinascita. In Congo vivono 82 milioni di abitanti divisi in oltre duecento gruppi etnici. Il paese è un paradiso della biodiversità, oltre a possedere enormi risorse naturali, eppure è uno dei più poveri del pianeta. In tanti l’hanno riscoperto lo scorso 22 febbraio, quando è arrivata la notizia della morte del nostro ambasciatore, insieme al carabiniere addetto alla sua scorta Vittorio Iacovacci, e all’autista Mustapha Milambo. Si stavano recando a visitare un centro scolastico. Il magistrato militare che indagava sulla morte di Attanasio e Iacovacci il 2 marzo è stato a sua volta ucciso in un’imboscata lungo la stessa strada dell’agguato precedente.
La puntata sarà ricca di testimonianze, a cominciare dal padre di Luca, Salvatore Attanasio che racconta come il figlio si sia battuto per riuscire a organizzare il rimpatrio di un centinaio di italiani bloccati in Congo, impauriti dalla situazione di violenze e dalla diffusione del Covid. Con la sua determinazione, le persone rimpatriate diventeranno 300, aggregando all’Italia anche i colleghi di altri Paesi per il rientro dei propri connazionali. Ospiti di Franco Di Mare: il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il vice presidente dell’ISPI Paolo Magri, il missionario Padre Giulio Albanese, l’inviato della Stampa Domenico Quirico, l’editorialista del Corriere della Sera Maurizio Caprara. “Frontiere” è firmato da Franco Di Mare, Paola Miletich, Stefano Pistolini e Pietro Raschillà con la produzione di Adriana Sodano e la regia di Anna Grossi. 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *