lunedì, Aprile 19, 2021
Home > Italia > Il punto di Roberto Napoletano – I partiti che non ci meritiamo

Il punto di Roberto Napoletano – I partiti che non ci meritiamo

il punto

Il punto di Roberto Napoletano. I partiti che non ci meritiamo –  Piano vaccini, carrozzoni regionali e i lep che non ci sono


Abbiamo visto in questi gravissimi atteggiamenti il segno fisico del miope egoismo che pervade la stagione del regionalismo all’italiana dove si sono saldati insieme gli interessi della Sinistra Padronale tosco-emiliana e la Destra lombardo-veneta a trazione leghista. Non è possibile che diventi il calcolo matematico più complesso della terra stabilire la cifra che esprima la stessa spesa pubblica pro capite, ad esempio, per la sanità a favore di un cittadino campano come di un cittadino emiliano-romagnolo. Ecco una bella sfida per il nuovo Pd di Letta

di Roberto Napoletano, Direttore del Quotidiano del Sud – l’Altravoce dell’Italia

Chi oggi continua a fare propaganda su vaccini e bisogni delle persone è un criminale. Così come lo è chi specula sulle sacrosante ragioni di tutti coloro che hanno dovuto chiudere ogni tipo di attività e hanno visto poco o nulla di risarcimento. Il Piano nazionale di vaccinazione del governo Draghi sta funzionando perché si è quasi quintuplicato il numero quotidiano di vaccinati e la scelta di centralizzare regole, guida e gestione è senz’altro quella giusta. Se insieme a Bulgaria, Lituania, Finlandia siamo gli ultimi nella fascia strategica che va dai 70 ai 79 anni, dobbiamo dirlo senza reticenze lo si deve esclusivamente a questi venti viceré che hanno nelle mani il governo frazionato del Paese e lo esercitano lisciando le lobby, ognuno le sue, e mettendo sempre vergognosamente il consenso davanti a tutto. Anche quando sono in gioco la vita delle persone e il futuro dell’economia di un Paese. Ovviamente esistono le eccezioni come la Regione Lazio che, a differenza di Lombardia e Toscana vero scandalo di questa stagione, è pronta a fare vaccinare in farmacia dalla settimana prossima anche la fascia dei cinquantacinquenni/sessantenni evidentemente a patto che arrivino i vaccini nuovi. Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:
https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/politica/2021/04/01/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-i-partiti-che-non-ci-meritiamo/

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *