domenica, Novembre 28, 2021
Home > Abruzzo > L’Aquila: vaccinazioni domiciliari in ritardo. Rivendicazione dello SPI CGIL

L’Aquila: vaccinazioni domiciliari in ritardo. Rivendicazione dello SPI CGIL

Dal 1° dicembre

L’Aquila: vaccinazioni domiciliari in ritardo. Rivendicazione dello SPI CGIL

Riceviamo e pubblichiamo: “Il 12 aprile 2021 il Sindaco Biondi ha annunciato alla stampa di aver ricevuto comunicazione dal Direttore Generale della ASL1 Testa, che dal giorno successivo sarebbero iniziate le
vaccinazioni COVID per L’Aquila (30), Sulmona (20) ed a seguire Avezzano.

Al momento il percorso vaccinatorio a domicilio è in grave ritardo. Questo comporta notevoli disagi agli utenti ed alle famiglie che hanno la sfortuna di avere familiari non in grado di raggiungere i centri predisposti per le vaccinazioni.

È palese che anche a fronte di una corretta organizzazione, le carenze sono strutturali perché le vaccinazioni a domicilio presuppongono la presenza di autoambulanza nelle vicinanze del domicilio ed in ogni caso una struttura medica dedicata.

In ogni caso ancora una volta emergono le conseguenze di scelte di abbandono della medicina territoriale a favore della medicina privata e dei grandi centri ospedalieri. Se poi si considera che queste disfunzioni interessano le parti più deboli della popolazione e le loro famiglie, è necessario che la ASL1 a livello locale, la Regione Abruzzo e la struttura
nazionale del Ministero della Sanità si adoperino per garantire ed accelerare un corretto percorso di vaccinazione”.


La Segreteria Provinciale
SPI (sindacato pensionati italiani)
CGIL L’AQUILA
Egidio Pezzuto