sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Mondo > Sparatoria a Rio de Janeiro: 25 morti, tra cui un agente di polizia

Sparatoria a Rio de Janeiro: 25 morti, tra cui un agente di polizia

sparatoria

Almeno 25 persone, tra cui un agente di polizia, sono state uccise in una sparatoria a Rio de Janeiro, secondo i media locali

La sparatoria è avvenuta durante un’operazione di polizia in una favela nella zona Jacarezinho della città.

La polizia ha avviato l’operazione dopo aver ricevuto rapporti secondo cui i trafficanti di droga stavano reclutando bambini per la loro banda.

Due passeggeri di un treno della metropolitana sono stati colpiti da proiettili ma sono sopravvissuti.

La polizia della città brasiliana ha confermato la morte di uno dei loro ufficiali, l’ispettore André Leonardo de Mello Frias. 

Il capo della polizia Ronaldo Oliveira ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters che nel raid di giovedì si è verificato “il maggior numero di morti in un’operazione di polizia a Rio”.

Secondo le notizie locali, la banda presa di mira in questo raid è coinvolta in un traffico di droga, rapine, omicidi e rapimenti.

Le immagini televisive mostravano i sospetti che cercavano di scappare dai tetti mentre la polizia entrava nella favela.

Nel frattempo, i residenti di Jacarezinho hanno condiviso i resoconti di ciò a cui hanno assistito sui social media nel corso della sparatoria.

Un residente ha pubblicato una foto del suo pavimento coperto di sangue e ha detto che due persone sono morte nella sua casa mentre la polizia inseguiva i criminali. L’uomo, che non ha voluto fornire le proprie generalità, ha detto che avrebbe cercato di uscire dall’area il prima possibile.

“Stiamo cercando di vendere la casa il più velocemente possibile, non possiamo continuare a vivere qui”, ha detto.

Altri residenti hanno detto che gli agenti avevano sequestrato i loro telefoni, accusandoli di aver avvertito i membri della banda del raid.

Il professore di sociologia Ignacio Cano del Laboratorio per l’Analisi della Violenza dell’Università Statale di Rio ha respinto le ragioni fornite dalla polizia per il raid: “Dire che i trafficanti di droga reclutano bambini e adolescenti per spacciare droga è quasi ridicolo perché tutti sanno che queste bande hanno minorenni. che lavorano per loro”.

Rio de Janeiro è uno degli stati più violenti del Brasile e vaste aree sono sotto il controllo di criminali, molti dei quali legati a potenti bande di trafficanti di droga.

Le forze di sicurezza in Brasile sono state spesso accusate di uso eccessivo della forza contro la popolazione civile durante le operazioni anti-criminalità nelle principali città.

Una sentenza del tribunale dello scorso giugno ha limitato l’azione della polizia nei quartieri poveri di Rio durante la pandemia, a meno che non fosse ritenuto essenziale.

Rio de Janeiro è la città con la più alta percentuale di persone che vivono nelle baraccopoli del Brasile – 22%. Si tratta di una popolazione di 1,3 milioni di abitanti, di cui il 70% di colore.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net