giovedì, Giugno 24, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Pirandello del 16 maggio su Rai 5: “Così è (se vi pare)” dallo Stabile di Torino

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Pirandello del 16 maggio su Rai 5: “Così è (se vi pare)” dallo Stabile di Torino

così è se vi pare

Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di Luigi Pirandello del 16 maggio alle 15.30 su Rai 5:Così è (se vi pare)” dal Teatro Stabile di Torino

Lucia Mosca on Twitter: "(Anticipazioni per il Grande Teatro in TV di  Molière del 22 febbraio alle 15.45 su Rai 5: “Il misantropo”) Segui su: La  Notizia - https://t.co/OcN4KZlJWI… https://t.co/bUS2bZ9xXI"

Un grande classico del teatro e una delle più acclamate edizioni della commedia di Luigi Pirandello: è “Così è (se vi pare)” – diretto da Filippo Dini per il Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale – che Rai Cultura propone in prima tv domenica 16 maggio alle 15.30 su Rai5. Dini, oltre a curarne la regia, ne è anche protagonista (nei panni di un insolito Laudisi insedia a rotelle), con un cast di primo piano: Maria Paiato, Andrea Di Casa, Benedetta Parisi, Nicola Pannelli, Mariangela Granelli, Francesca Agostini, Ilaria Falini, Carlo Orlando, Orietta Notari, Giampiero Rappa, Mauro Bernardi.
Attorno al mistero che circonda una schiva famiglia appena giunta in paese -il signor Ponza, sua moglie forse defunta, forse no, e l’anziana signora Frola, sua suocera-Pirandello costruisce un’indagine, condotta da borghesi piccoli piccoli, che ha il respiro del thriller. Un gioco di enigmi oscuro e morboso.
Nella versione firmata da Filippo Dini e prodotta dal Teatro Stabile di Torino, “Così è (se vi pare)” dopo le lunghe e fortunate tournée in Italia e all’estero, ha ottenuto il Premio Le Maschere del Teatro Italiano 2019 per la miglior regia e le migliori luci ed è stato il primo Pirandello in lingua italiana eseguito con grande successo in Cina.
Le scene sono firmate da Laura Benzi, costumi di Andrea Viotti, luci di Pasquale Mari, musiche di Arturo Annecchino, regia video di Lucio Fiorentino.

Così è (se vi pare) è un’opera teatrale di Luigi Pirandello, tratta dalla novella La signora Frola e il signor Ponza, suo genero. Fu rappresentata per la prima volta il 18 giugno 1917, per quanto l’autore ne avesse comunicato la conclusione al figlio Stefano due mesi prima. Pirandello ne presentò una nuova edizione arricchita nel 1925, adattandola alla rappresentazione teatrale e modificandola quasi completamente[1][2].

L’opera è incentrata su un tema molto caro a Pirandello: l’inconoscibilità del reale, di cui ognuno può dare una propria interpretazione che può non coincidere con quella degli altri. Si genera così un relativismo delle forme, delle convenzioni e dell’esteriorità, un’impossibilità a conoscere la verità assoluta che è ben rappresentata dal personaggio Laudisi.

Che la Verità assoluta esista o meno è cosa tantomeno irrilevante: è questo il messaggio finale di lettura dell’opera dove Pirandello mette lo spettatore di fronte ad una sorta di ‘barriera sul palcoscenico’ costringendolo ad interrogarsi sul significato stesso di ciò che ha appena visto e l’assenza stessa di significato. Protagonista assoluto di scena, il dramma esistenziale della vita umana nella sua infinita complessità, ed in virtù del teorema, il fatto che la Verità assoluta, quella imprescindibile non esiste. A seguito dell’acceso dibattito tra i personaggi di questo piccolo ambiente provincial-borghese infatti, la Verità è per ciascuno ‘come pare’[3].

La scenografia di “Così è se vi pare” è rappresentata con un grande buco quasi come un grande occhio che campeggia sul fondo della scena, una sorta di riflettore puntato sul piccolo mondo di ‘pettegoli’ nella ricerca assetata di un’unica verità che potesse garantire un po’ di sicurezza: dalla parte opposta del buco i protagonisti, il signor Ponza e la signora Frola con le loro “verità”, in opposta antitesi con la visione dei pettegoli e del pubblico stesso, separato a sua volta dalla barriera del palcoscenico[4].

La commedia è suddivisa in tre atti, articolati a loro volta in sei scene il primo e nove i restanti. All’interno del testo si fa più volte riferimento al terremoto della Marsica, veramente avvenuto nel 1915, durante il quale sarebbero morti tutti i parenti della signora Frola e il loro paese raso al suolo[5].

Trama

La vita di una tranquilla cittadina di provincia viene scossa dall’arrivo di un nuovo impiegato, il Signor Ponza, e della suocera, la Signora Frola, scampati ad un terribile terremoto nella Marsica. Si mormora, tuttavia, che assieme ai due sia giunta in città anche la moglie del Signor Ponza, anche se nessuno l’ha mai vista. I coniugi Ponza alloggiano all’ultimo piano di un caseggiato periferico, mentre la Signora Frola vive in un elegante appartamentino. Il trio viene così coinvolto nelle chiacchiere del paese, che vedono il signor Ponza come un “mostro” che impedisce alla suocera di vedere la figlia tenuta chiusa a chiave in casa. Il superiore del signor Ponza, il consigliere Agazzi, si reca perciò dal prefetto affinché metta in luce la verità e chiarisca la vicenda. Questa richiesta, comunicata alla moglie e ad altri conoscenti riuniti in casa del consigliere, provoca l’ilarità dello scettico cognato Laudisi, che difende i nuovi arrivati dalla curiosità del paesino affermando l’impossibilità di conoscere gli altri e, più in generale, la verità assoluta. Occorre segnalare che Lamberto Laudisi rappresenta Pirandello stesso e le sue idee.

La signora Frola diventa quindi oggetto di un vero e proprio interrogatorio sulla vita della sua famiglia. Per sottrarsi dall’inchiesta che la colpisce direttamente, giustifica l’esagerata possessività del genero nei confronti della moglie. Anche il signor Ponza è sottoposto al medesimo interrogatorio, durante il quale dichiara la pazzia della suocera. A suo dire essa è impazzita a causa della morte della figlia Lina, sua prima moglie, e si è convinta che Giulia (seconda moglie) sia in realtà la figlia ancora viva. Per questo lui e la moglie, per tener viva l’illusione della donna, hanno dovuto prendere una serie di precauzioni che hanno insospettito gli abitanti del paese.

Sconcertati dalla rivelazione, i presenti sono tuttavia rassicurati dalle parole del signor Ponza. Successivamente, però, entra la signora Frola che, resasi conto di essere stata trattata come una pazza, rivolge la stessa accusa al genero: lui è pazzo, almeno nel considerare Giulia come seconda moglie. Afferma che, dopo la lunga assenza della moglie in una casa di cura, egli non l’avesse più riconosciuta, e non l’avrebbe più accettata in casa se non si fossero svolte delle seconde nozze, come se si trattasse di una seconda donna. Tutti sono sbalorditi, non sapendo più cosa pensare, eccetto Laudisi che prorompe in una sonora risata.

La ricerca delle prove per determinare la verità è in realtà l’occasione per Laudisi di svelare il senso di quest’opera: egli polemizza con la fiducia affidata ai “dati di fatto” e rivendica uguale realtà al “fantasma” della costruzione soggettiva, affermando in questo modo l’insolubilità dell’enigma. Può essere di esempio il dialogo di quest’ultimo con la propria immagine riflessa nello specchio:

«Eh caro! chi è il pazzo di noi due? Eh lo so: io dico TU! e tu col dito indichi me. Va là che, a tu per tu, ci conosciamo bene noi due. Il guaio è che, come ti vedo io, gli altri non ti vedono… Tu per gli altri diventi un fantasma! Eppure, vedi questi pazzi? senza badare al fantasma che portano con sé, in se stessi, vanno correndo, pieni di curiosità, dietro il fantasma altrui! e credono che sia una cosa diversa.»

Nel tentativo di risolvere l’enigma, il consigliere Agazzi organizza un incontro tra suocera e genero: ne derivano scene di concitata violenza, in cui il signor Ponza aggredisce la suocera urlandole in faccia la verità. Dopo si scuserà per questo suo atteggiamento dicendo che era necessario fare la parte del pazzo per mantenere viva l’illusione della signora Frola.

Nell’ultimo atto di “Così è se vi pare”, dopo una vana ricerca di prove certe tra i superstiti del terremoto, viene condotta a casa di Agazzi la moglie del signor Ponza, l’unica in grado di risolvere la questione mettendo a conoscenza di tutti la verità. Quest’ultima, con il viso coperto da un velo nero, afferma di essere al contempo sia la figlia della signora Frola che la seconda moglie del signor Ponza, mentre di sé afferma di non essere nessuna: “io sono colei che mi si crede“. Interviene così Laudisi, dopo una risata, che dice, con uno sguardo di sfida derisoria: “Ed ecco, o signori, come parla la verità! Siete contenti?

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.