venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Abruzzo > Il Principe Don Roberto D’Amato, Presidente Onorario del C.E.S.I.

Il Principe Don Roberto D’Amato, Presidente Onorario del C.E.S.I.

principe

GORIZIA – La segreteria del Centro Europei di Studi Strategici ed Intelligence (CESI), presieduto da Giustino Bruno, rende nota la nomina a presidente onorario dell’organizzazione socio – culturale del Principe Don Roberto D’Amato di Gorizia, nobile ed ecclesiastico ortodosso, esperto di storia e di diritto. il suo motto ė “Mai arretrare, la Patria sopra a tutti”.

Il Principe Roberto D’Amato, è il discendente di una nobile famiglia dalle antichissime origini, imparentati con i Folch de Cardona di Empuries, il cui capostipite sposò una figlia di Carlo Magno. I Folch de Cardona erano imparentati con la più prestigiosa nobiltà europea, con i D’Angiò ed i D’Aragona, con gli Altavilla e gli Hofhenstaufen.

Noi lo abbiamo intervistato e gli abbiamo posto alcune domande:

  • Ci parli brevemente delle origini precise della sua famiglia….

“Amato di Sciacca – ha spiegato il Principe Don Roberto D’Amato – ė il ramo originario da cui discendo. Gli Amato godettero di nobiltà in Catalogna già nel IX secolo, vennero in Sicilia nel 1282 al seguito di Re Pietro d’Aragona. Nel corso dei secoli, la casata fu decorata dei titoli di barone, duca, conte, marchese, e principe. In particolare, i Duchi D’Amato di Secli, nella zona di Otranto lasciarono un buon ricordo. Guidone d’Amato Duca di Secli mecenate e intellettuale partecipò alla battaglia di Lepanto, dovette affrontare la rivolta di Masaniello che si estese anche nella zona di Otranto, mentre sua sorella, badessa, era in odore di santità, ma la beatificazione non avvenne perché il corpo era stato stato nascosto dalle suore”.

  • Ci parli brevemente di lei….

” Ho scritto diversi libri di Storia, il nepotismo dei Papi, fra Medioevo, Riforma Protestante e Controriforma, i Cavalieri di Malta fra mito e realtà, il pensiero politico e teologico di Savonarola, ho scritto poesie, 15 fascicoli di storia. Sono orgoglioso di aver adempiuto il servizio militare nella gloriosa brigata Folgore dei paracadutisti”.

  • Ci parli del suo nuovo incarico di Presidente Onorario del Cesi….

“Sono contento dell’incarico ricevuto dal Presidente del Cesi Giustino Bruno, persona che conosco da tempo e stimo. Come presidente onorario sono lieto e spero di portare il Cesi ai massimi splendori”.

Cristiano Vignali