lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Anticipazioni TV > Il film horror stasera in TV: “Grindhouse – A prova di morte” sabato 6 novembre 2021

Il film horror stasera in TV: “Grindhouse – A prova di morte” sabato 6 novembre 2021

grindhouse

Il film horror stasera in TV: “Grindhouse – A prova di morte” sabato 6 novembre 2021 alle 21:15 su Italia 2 (Canale 22)

A prova di morte.JPG

Grindhouse – A prova di morte (Death Proof) è un film del 2007, scritto e diretto da Quentin Tarantino. Il film è uno dei due segmenti di Grindhouse, creato come omaggio ai film degli anni settanta come Punto zero e Convoy – Trincea d’asfalto. Secondo le dichiarazioni di Tarantino è “uno slasher senza le caratteristiche dello slasher”.[1]

Jungle Julia è la DJ più quotata di Austin, in Texas. Le sue migliori amiche sono Arlene e Shanna, con le quali trascorre intere notti a spasso tra i locali della capitale texana, tra un margarita ed uno spinello. Le tre ragazze entrano però nel mirino di Stuntman Mike, uno stuntman killer ormai in pensione, il cui volto è solcato da una strana e profonda cicatrice, che prova eccitamento quando uccide ragazze a bordo della sua vettura “a prova di morte”, una Chevrolet Nova SS. Mike le segue al Guero’s, il primo locale che visitano.

All’interno di questo, tra un discorso sui ragazzi ed uno sulla radio viene rivelato ad Arlene che Julia ha indetto un concorso durante la sua trasmissione: questo prevede che Arlene faccia una lap-dance al primo uomo che durante la serata le offrirà da bere e le dedicherà la poesia che recita “Il bosco è magnifico, profondo all’imbrunire e io ho promesse da mantenere e miglia da percorrere prima di dormire. Mi hai sentito Butterfly? Miglia da percorrere prima di dormire!”. Julia le consiglia di eseguirla solo se il ragazzo che verrà a soddisfare le condizioni sarà carino. A metà serata, le ragazze si trasferiscono al Texas Chili Parlor; qui vengono sempre pedinate da Mike, un amico di Warren, il barista, che presto attrae a sé la dolce Pam. Warren fa ubriacare le ragazze, mentre Pam chiede un passaggio per tornare a casa: Mike acconsente, dimostrandosi in un primo tempo simpatico e disponibile.

Arlene si rende conto, però, che Mike le continua a seguire. Nel locale arriva Lanna Frank, un’amica di Julia che le porta dell’erba. Le ragazze escono per fumare e vengono raggiunte da Stuntman Mike, che offre da bere ad Arlene e le dedica una poesia. Arlene, in un primo tempo non accondiscendente, viene convinta con un trucchetto psicologico ad eseguire la lap-dance per Mike. Terminata questa, le ragazze lasciano il locale, e con loro, Mike e Pam.

Pam vede l’auto di Stuntman Mike e si spaventa, temendo per la sua incolumità: infatti la vettura di quest’ultimo è una di quelle usate dagli stuntman e dunque il sedile per il passeggero è scomodo e poco sicuro. Mike le ricorda che non è stato lui a chiedere il passaggio e la rassicura, ricordandole che proprio per il fatto che l’auto è per stuntman, è “a prova di morte”. Pam – ingenuamente – sale nell’auto. Stuntman Mike parte nella direzione opposta a quella richiesta dalla ragazza, e inizia a guidare in maniera pericolosa, facendola urtare contro le pareti dell’auto, fino a causarne la morte a causa dei bruschi urti. Subito dopo Mike torna sui suoi passi, individua Shanna, Arlene, Julia e Lanna e le uccide andandosi a schiantare contro di loro. Lanna muore tra le lamiere, Arlene a causa degli pneumatici, Julia perde una gamba per l’urto e Shanna vola fuori dalla vettura. Mike si salva, nonostante rimanga gravemente ferito.

Viene ricoverato nell’ospedale dei coniugi Block, dove gli va a far visita lo sceriffo Earl McGraw insieme al figlio Edgar. Lo sceriffo intuisce subito la reale dinamica dell’incidente, ma le prove (tra cui la testimonianza del barista Warren) scagionano lo stuntman misogino.

Quattordici mesi dopo, Stuntman Mike torna in circolazione a bordo di una Dodge Charger truccata. Le ragazze ora prese di mira sono delle giovani nel mondo del cinema: Abernathy, truccatrice/hairstylist, Kim, stuntwoman, Lee, attrice e Zoë, anch’essa stuntwoman. Abernathy, Lee e Kim devono andare a prendere Zoë, appena arrivata dalla Nuova Zelanda, dove vive e in gran parte lavora. Le quattro si fermano a Lebanon per fare colazione, durante la quale, conversando su Punto zero ed altri film culto del mondo degli stuntman, Kim e Zoë rivelano a Lee ed Abernathy di avere una pistola, che useranno solamente per autodifesa. Le ragazze trattano con un contadino per guidare una Dodge Challenger del 1970, identica a quella di Punto zero. Il contadino accetta, mentre Lee viene lasciata, senza nemmeno saperlo, in balia del contadino come “garanzia”.

A bordo dell’auto eseguono il numero: una ragazza si deve distendere sul cofano dell’auto, in corsa, assicurata solo da due cinture. Proprio mentre eseguono il numero, vengono speronate da Stuntman Mike, che le ha raggiunte. Durante l’inseguimento, Zoë viene sbalzata oltre il cofano e viene creduta morta. Kim afferra la pistola che ha con sé e spara a Mike, che, essendo stato ferito, fugge. Zoë, in realtà nemmeno scalfita dall’urto, torna all’auto e decide di vendicarsi di lui. Ferito e sanguinante, Mike diventa “l’inseguito”. Il trio parte così all’inseguimento del killer; una volta raggiuntolo, lo sperona e lo fa sbattere contro una serie di cartelloni pubblicitari, sino a quando Stuntman Mike non si arrende, la sua auto ormai totalmente distrutta.

Le ragazze escono dalla loro auto, lo afferrano e iniziano a prenderlo a pugni. Abernathy lo finisce schiacciandogli il volto con un calcio.

Regia di Quentin Tarantino

Con Kurt Russell, Rosario Dawson e Vanessa Ferlito

Fonte: WIKIPEDIA