sabato, Maggio 21, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” del 17 febbraio alle 21.25 su Rete 4: ospite Antonio Tajiani

Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” del 17 febbraio alle 21.25 su Rete 4: ospite Antonio Tajiani

dritto e rovescio

Anticipazioni per “Dritto e Rovescio” del 17 febbraio alle 21.25 su Rete 4: ospite Antonio Tajiani

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-3.png

Giovedì 17 febbraio, in prima serata su Retequattro, nel nuovo appuntamento con “Dritto e rovescio” Paolo Del Debbio intervisterà il vice presidente e coordinatore unico nazionale di Forza Italia Antonio Tajani; tra i temi che verranno affrontati: il Covid-19 con  le nuove misure in arrivo, la crisi internazionale in Ucraina e lo stretto legame con il tema del gas e dei relativi rincari delle bollette, i referendum e la riforma della giustizia.

Nel corso della serata, si tornerà a parlare della famiglia di Modena che ha rifiutato il sangue dei vaccinati per l’operazione del figlio di due anni, un caso non isolato ma un fenomeno ben più esteso. Infine, un focus sulle credenze non scientifiche di chi rifiuta il vaccino.

Dritto e rovescio è un programma televisivo italiano di genere talk showpolitico e rotocalco, in onda su Rete 4 dal 7 marzo 2019 con la conduzione di Paolo Del Debbio, il giovedì in prima serata[1].

Il programma è giunto alla quarta edizione e va in diretta dallo studio 5 del Centro di produzione Mediaset di Cologno Monzese.

Paolo Del Debbio (Lucca2 febbraio 1958) è un saggistagiornalistaconduttore televisivoautore televisivoprofessore a contratto ed ex politico italiano.

È stato tra i promotori della fondazione[2] di Forza Italia nel 1994, di cui è stato direttore dell’Ufficio Studi nazionale.[2] In occasione delle elezioni regionali in Toscana del 1995, è stato candidato dalla coalizione del Polo per le Libertà per la presidenza della regione, risultando sconfitto. In seguito è stato assessore per le periferie e la sicurezza nella giunta comunale milanese guidata da Gabriele Albertini dal 1998 al 2001.