giovedì, Maggio 26, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film thriller stasera in TV: “Gravity” martedì 22 febbraio 2022

Il film thriller stasera in TV: “Gravity” martedì 22 febbraio 2022

gravity

Il film thriller stasera in TV: “Gravity” martedì 22 febbraio 2022 alle 21.20 su Rai 4

Gravity 2013.jpg

Gravity è un film del 2013 diretto da Alfonso Cuarón. Il film, con protagonisti Sandra Bullock e George Clooneyha aperto la 70ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, proiettato in anteprima mondiale il 28 agosto 2013 nella Sala Grande del Palazzo del Cinema di Venezia.

La pellicola ha ottenuto 10 candidature all’86ª edizione dei Premi Oscar, aggiudicandosi 7 statuette: miglior regia ad Alfonso Cuarónmigliori effetti specialimiglior fotografiamiglior montaggiomiglior colonna sonoramiglior sonoro e miglior montaggio sonoro.

La dottoressa Ryan Stone è un’esperta ingegnere biomedico che affronta per la prima volta una missione nello spazio, la STS-157. Assieme a lei sullo Space Shuttle Explorer c’è l’astronauta Matt Kowalsky, in quella che sarà la sua ultima missione prima di andare in pensione.

Durante una passeggiata all’esterno dello Shuttle per alcuni lavori di manutenzione sul telescopio spaziale Hubble, vengono avvertiti dal Controllo Missione di Houston riguardo ad un missile russo che ha colpito un satellite ormai in disuso la cui conseguente esplosione ha causato una reazione a catena che ha distrutto altri satelliti e quindi creato un’onda di detriti che si muove ad altissima velocità.

Mentre l’equipaggio inizia in tutta fretta il processo di ritorno nell’Explorer per rientrare il prima possibile, i detriti colpiscono e danneggiano molto gravemente sia lo Shuttle che il telescopio e uccidono il collega Shariff e gli altri membri dell’equipaggio rimasti sulla navetta, lasciando Stone e Kowalsky da soli alla deriva nello spazio, senza comunicazioni con Houston, dato che anche i satelliti che garantivano i ponti radio sono stati danneggiati o distrutti.

Il comandante Kowalsky, l’unico a disporre di uno zaino jet, riesce a recuperare la dottoressa Stone che fluttuava nello spazio senza controllo dopo l’incidente e a trainarla con sé agganciandola con un cavo. Con lo Shuttle distrutto e in attesa del secondo passaggio della micidiale onda di detriti, la loro unica speranza è raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale, distante pochi chilometri dal punto in cui stavano operando in orbita. Con il propellente esaurito i due superstiti riescono a raggiungere la stazione, tuttavia il comandante Kowalsky è costretto a sacrificarsi lasciandosi andare alla deriva nello spazio per evitare la stessa sorte anche alla dottoressa.

Affranta dal sacrificio del comandante, la dottoressa Ryan Stone, che nel frattempo ha quasi esaurito la propria riserva di ossigeno, riesce a penetrare nella Stazione Internazionale, danneggiata, disabitata e piena di oggetti fuori posto. Cerca di raggiungere il veicolo spaziale Sojuz in tutta fretta a causa del divampare di un incendio e di sganciarsi dalla stazione, ma il paracadute di frenata, apertosi a causa dell’impatto dei detriti, si è impigliato nella struttura della stazione e le impedisce di staccarsi. Solo tornando all’esterno potrà sganciare il paracadute, ma una nuova ondata di detriti ad altissima velocità la coglie mentre cerca di eseguire l’operazione e solo a fatica riesce a rientrare nel Sojuz mentre la Stazione Spaziale Internazionale viene distrutta.

Con la navetta russa pesantemente danneggiata e senza paracadute non può rientrare sulla Terra, pertanto, come ultima speranza, deve dirigersi verso la stazione cinese Tiangong 1. All’interno del modulo Sojuz, la dottoressa Stone riesce ad ottenere un contatto insperato via radio e tenta quindi di lanciare il mayday. Scopre, poi, di essere in collegamento con un radioamatore inuit sulla Terra e non con Houston come aveva per un attimo sperato.

La donna sente, dall’altra parte, il guaito di alcuni cani e il pianto di un neonato che per qualche momento la rasserena. Il motore principale della Sojuz non si attiva e la donna, ormai disperata, è pronta a lasciarsi morire chiudendo l’erogazione di ossigeno nella capsula. Ad un tratto all’esterno della stazione appare Kowalsky – in realtà in un’allucinazione della dottoressa – che la scuote bonariamente dalla sua disperazione e le suggerisce di usare i razzi di atterraggio del modulo della navetta russa per imprimere il movimento sufficiente ad avvicinarsi alla stazione cinese. La Tiangong 1 viene così raggiunta, ma sta vistosamente perdendo quota.

A bordo della navetta di salvataggio cinese Shenzhou, sganciata dalla stazione cinese poco prima della sua distruzione all’ingresso nell’atmosfera, la dottoressa Stone riuscirà ad affrontare la rovente discesa nell’atmosfera terrestre e infine ad ammarare in un lago di una landa desolata di un luogo imprecisato, dove però sono già in arrivo i soccorsi preannunciati via radio durante la sua discesa.

(none)

Regia di Alfonso Cuarón

Con: Javier Cámara, Raúl Arévalo, Carlos Areces, Lola DueñasCecilia Roth

Fonte: WIKIPEDIA

Per il ciclo “Il Vizio del cinema”, martedì 22 febbraio in prima serata, alle 21.10, Rai Movie (canale 24 del digitale terrestre) trasmette “Gli amanti passeggeri”, una commedia di Pedro Almodovar con Javier Cámara, Penélope Cruz, Antonio Banderas, Carlos Areces e Paz Vega.

A bordo di un aereo che dalla Spagna porta a Città del Messico, un gruppo molto variegato di persone si ritrova ad affrontare un pericolo imprevisto.

Mentre il bizzarro personale di bordo tenta di mettere da parte i propri problemi personali per assistere i viaggiatori e i piloti tentano di risolvere al meglio la situazione, i passeggeri della prima classe di fronte alla possibilità degli ultimi minuti di vita hanno le reazioni più disparate, dando origine a un’insolita catarsi per scacciare l’idea della morte.