sabato, Maggio 28, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Das Paradies und die Peri” di Schumann del 7 maggio alle 11.15 su Rai 5: dal Teatro Massimo di Palermo

Anticipazioni per “Das Paradies und die Peri” di Schumann del 7 maggio alle 11.15 su Rai 5: dal Teatro Massimo di Palermo

das paradies

Anticipazioni per “Das Paradies und die Peri” di Schumann del 7 maggio alle 11.15 su Rai 5: diretto da Gabriele Ferro dal Teatro Massimo di Palermo

(none)

Rai Cultura celebra il venticinquennale della riapertura del Teatro Massimo di Palermo con l’oratorio profano di Robert Schumann “Das Paradies und die Peri” in forma scenica, in onda sabato 7 maggio alle 11.15 su Rai 5.

Regia, scene, costumi, video e luci sono del collettivo Anagoor, mentre sul podio c’è il Maestro Massimo Gabriele Ferro. Nel cast Sarah Jane Brandon, Valentina Mastrangelo, Atala Schöck, Maximilian Schmitt e Albert Dohmen.

La Peri, cacciata dal Paradiso viaggia, vagando per l’Oriente, alla ricerca del tesoro più grande sulla Terra, grazie al quale potrà essere di nuovo ammessa nel mondo superiore. Mentre su un grande schermo scorrono le immagini del suo viaggio girate in Iran, in Turchia, lungo i martoriati confini siriani e al Museo Egizio di Torino.

Il Paradiso e la Peri, in tedesco Das Paradies und die Peri , è un oratorio laico per solisti, coro e orchestra di Robert Schumann. Completata nel 1843, l’opera fu pubblicata come Schumann’s Op . 50.

L’opera si basa su una traduzione tedesca (di Schumann e del suo amico Emil Flechsig) di un racconto di Lalla-Rookh di Thomas Moore . Il peri , una creatura della mitologia persiana , è il fulcro della storia, essendo stato espulso dal paradiso e cercando di riconquistare l’ingresso dando il dono che è più caro al cielo . Alla fine il peri viene ammesso dopo aver portato una lacrima dalla guancia di un vecchio peccatore pentito che ha visto un bambino pregare.

Peter Ostwald nella sua biografia Schumann: The Inner Voices of a Musical Genius registra che Schumann “confidò ad un amico che” mentre scriveva Paradise and the Peri una voce mi sussurrava di tanto in tanto “quello che stai facendo non è stato fatto del tutto invano”, “e che anche Richard Wagner ha elogiato questo lavoro. La cantata è generalmente considerata un risultato significativo da Schumann, e forse attrae meno di quanto potrebbe altrimenti al pubblico moderno a causa della verbosità fiorita e di ispirazione orientale del libretto, che rappresenta una moda per l’orientalismo che era in pieno svolgimento in 19 ° secolo, ma si è notevolmente ritirato oggi.

La prima esibizione in inglese si è svolta in condizioni difficili presso le Hanover Square Rooms di Londra su invito della Philharmonic Society diretta da William Sterndale Bennett con Jenny Lind come soprano principale.

Il paradiso e il Peri furono il veicolo per la prima apparizione importante di Gabrielle Krauss , a Vienna nel 1858, quando non aveva ancora 16 anni.