lunedì, Maggio 23, 2022
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Elisir” dell’11 maggio alle 10.30 su Rai 3: si parla delle malattie infiammatorie

Anticipazioni per “Elisir” dell’11 maggio alle 10.30 su Rai 3: si parla delle malattie infiammatorie

elisir

Anticipazioni per “Elisir” dell’11 maggio alle 10.30 su Rai 3: si parla delle malattie infiammatorie

(none)

Con Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi su Rai 3 si parla di ciliegie e mononucleosi

A Elisir, il programma di medicina in onda alle 10.30 su Rai 3, condotto da Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi, mercoledì 11 maggio, si parte dalle malattie infiammatorie, patologie diverse fra loro che provocano uno stato infiammatorio cronico.

In studio Roberto Manfredini, ordinario di medicina interna presso l’Università di Ferrara. Nella seconda parte spazio alle ciliegie, frutti ricchi di vitamine C e A che aiutano il buon funzionamento delle difese immunitarie. Risponde alle domande Sabrina Donati Zeppa, docente di scienze dell’alimentazione e nutrizione presso l’università di Urbino.

Nel “mi dica dottore” si parla invece della mononucleosi, malattia infettiva che si trasmette attraverso la saliva, anche conosciuta come la “malattia del bacio”: se ne discute con Francesco Broccolo, microbiologo presso l’Università Bicocca di Milano.

Nello spazio “essere e benessere”, infine, approfondimento sulle sostanze velenose con le quali possiamo venire a contatto: risponde Marco Marano, del centro antiveleni dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Elisir è un programma televisivo di informazione dedicato alla salute e al benessere, in onda su Rai 3 dal 29 settembre 1996 al 9 giugno 2017 e, nuovamente, dal 2020.

La trasmissione è stata sempre condotta da Michele Mirabella, a cui si è affiancata nelle edizioni 2014-2015 e 2015-2016 Virginie Vassart, e dall’edizione 2020-2021 Benedetta Rinaldi. Nato come appuntamento di prima serata della domenica, dal 2012 Elisir è diventato uno spazio quotidiano del mattino della terza rete. Esclusivamente per la stagione 2012-2013 ha adottato il titolo di Buongiorno Elisir, per poi riprendere dall’anno successivo la storica denominazione. La sigla del programma, iniziale e finale, è un breve spezzone del brano Siana’s Dream: The Music Box, dell’arpista americana Deborah Henson-Conant prima in versione riarrangiata e poi dalla stagione 2020-2021 nella versione originale.

Il programma affronta temi legati al mondo della salute e della medicina, con la presenza in studio di ospiti di primo piano: specialisti, professori, eccellenze del mondo della ricerca medica. Chiarezza e semplicità divulgativa sono le caratteristiche principali della trasmissione.

Tra gli argomenti di conversazione, l’importanza dello stile di vita, la cultura alimentare, la prevenzione, ma anche il corretto dialogo tra medico e paziente. Particolare attenzione è inoltre dedicata alle novità terapeutiche, ai progressi nella diagnosi, alla ricerca. La trasmissione si avvale inoltre della partecipazione dei telespettatori, grazie ad un numero verde ed in seguito ad una postazione Internet che raccoglie testimonianze e quesiti via mail, o attraverso la pagina Facebook e il profilo Twitter del programma.

Per molti anni al fianco di Michele Mirabella è stato presente in studio un medico di famiglia, il dottor Carlo Gargiulo, mentre i collegamenti in esterna erano condotti dalla giornalista Patrizia Schisa. Nelle prime edizioni in prima serata erano coinvolti in studio anche alcuni ospiti legati al mondo dello spettacolo, chiamati a testimoniare con vicende personali tematiche legate alla salute, e a giocare ad un test sempre legato ad argomenti di natura medica. Dalla stagione 2016-2017 il programma ha ridotto la sua durata a soli 10 minuti, lasciando lo spazio di approfondimento alla nuova trasmissione Tutta salute, per poi essere definitivamente chiuso nel mese di giugno 2017. Dal 7 settembre 2020[1], dopo alcuni anni di pausa, la trasmissione è tornata in onda in forma quotidiana al posto di Tutta salute con la conduzione di Michele Mirabella e Benedetta Rinaldi.