lunedì, Febbraio 6, 2023
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “La mano felice” di Schonberg e “Il castello del principe Barbablù” di Bartòk il 6 gennaio alle 10 su Rai 5: dal Massimo di Palermo

Anticipazioni per “La mano felice” di Schonberg e “Il castello del principe Barbablù” di Bartòk il 6 gennaio alle 10 su Rai 5: dal Massimo di Palermo

la mano felice

Anticipazioni per “La mano felice” di Schonberg ed “Il castello del principe Barbablù” di Bartòk del 6 gennaiio alle 10 su Rai 5: dirette da Gregory Vajda per la regia di Stefano Ricci dal Teatro Massimo di Palermo – Per la grande Musica Lirica in TV oggi venerdì 6 gennaio andranno in onda alle 10 su Rai 5 le opere “La mano felice” di Arnold Schoenberg ed “Il castello del principe Barbablù” di Bartòk dal Teatro Massimo di Palermo, dirette da Gregory Vajda per la regia di Stefano Ricci nella rappresentazione andata in scena nel 2018 con l’interpretazione del mezzosoprano Atala Schöck e Gabor Bretz e degli attori Giuseppe Sartori e Piersten Leirom.

“La mano felice” (Die glückliche Hand), op. 18, è un Drama mit Musik (“dramma con musica”) di Arnold Schoenberg in quattro scene. Fu composto tra il 1910 e il 1913. Come Erwartung , composto un anno prima, fu fortemente influenzato dal libro di Otto Weininger Sex and Character . [1] 

A differenza diErwartung, Schoenberg ha scritto lui stesso illibrettoperDie glückliche Hand. La prima esibizione si è svolta alla Volksoper di Vienna il 24 ottobre 1924. Il messaggio di fondo del pezzo è l’idea che l’uomo continui a commettere ripetutamente gli stessi errori e la trama è sviluppata dagli eventi della vita personale di Schoenberg. [2]

Il soggetto del dramma è influenzato dalle circostanze personali nella vita di Schoenberg. La musica di Schoenberg non fu accolta bene come negli anni precedenti. Inoltre, due anni prima della composizione dell’opera, Mathilde, la moglie di Schoenberg, aveva una relazione con il pittore Richard Gerstl e, sebbene fosse tornata a Schoenberg, ciò ebbe un effetto duraturo sulla loro relazione. [2]

Il dramma si svolge in un atto in cui ci sono quattro scene. Dura una ventina di minuti.La messa in scena di Die glückliche Hand è complessa, per la gamma di effetti scenografici che devono essere combinati con l’uso di luci colorate.

Il dramma rappresenta un ciclo ineludibile della situazione dell’uomo in quanto inizia e finisce con il personaggio maschile alle prese con il mostro sulla schiena. Il personaggio maschile canta del suo amore per una giovane donna (mimo) ma, nonostante questo amore, lo lascia per un gentiluomo ben vestito (mimo).

 Sente che lei lo ha lasciato e alla fine, quando ritorna, la perdona e la sua felicità ritorna. Di nuovo la donna si ritira. La donna viene vista più tardi con il gentiluomo, e il solista maschio implora la donna di restare con lui ma lei scappa e gli prende a calci una roccia. Questa roccia si trasforma nel mostro originariamente visto sulla schiena dell’uomo. Così, il dramma finisce dove è iniziato.

Il castello di Barbablù (in ungherese A kékszakállú herceg vára, letteralmente “Il castello del duca Barbablù”) è un’opera in un atto del compositore ungherese Béla Bartók. Il libretto, in lingua ungherese, è stato scritto da Béla Balázs – poeta, regista e sceneggiatore – amico del musicista, rifacendosi molto liberamente sia alla celebre fiaba La Barbe Bleue (1697) di Charles Perrault sia al dramma Ariane et Barbe Bleue (1901) di Maurice Maeterlinck, grande drammaturgo belga autore, fra le altre opere, del dramma Pélleas et Mélisande musicato da Claude Debussy su libretto dello stesso Maeterlinck.

L’opera di Bartók dura poco meno di un’ora e ci sono soltanto due personaggi che cantano sul palco: Barbablù, baritono (in ungherese Kékszakállú), e la sua ultima moglie Judit (Judit), soprano/mezzosoprano. I due sono appena arrivati, e Judit è venuta nel castello di Barbablù per la prima volta, fuggendo dalla casa paterna, dove tutti sono stati contrari al suo matrimonio con questo gentiluomo dall’oscuro passato.

Il castello di Barbablù fu composto nel 1911 (con alcune modifiche apportate nel 1912 ed un nuovo finale aggiunto nel 1917) ma la prima rappresentazione ebbe luogo soltanto sette anni dopo, il 24 maggio 1918 al Teatro dell’Opera di Budapest. La Universal Edition pubblicò lo spartito per canto e pianoforte (1921) e la partitura completa (1925). La partitura completa di Boosey & Hawkes comprende solo le traduzioni tedesca e inglese della parte cantata, mentre l’edizione di Dover riproduce l’Edizione Universale ungherese/tedesca dello spartito per canto e pianoforte (con i numeri di pagina a partire da 1 invece che da 5). Una revisione dello spartito UE nel 1963 ha aggiunto una nuova traduzione tedesca di Wilhelm Ziegler, ma sembra non aver corretto tutti gli errori. La Universal Edition e la Bartók Records hanno pubblicato una nuova edizione dell’opera nel 2005 con nuova traduzione Inglese di Peter Bartók, accompagnata da un’ampia lista di errata-corrige.[1]

Foto interna ed esterna: https://www.raiplay.it/programmi/lamanofelice-ilcastellodelprincipebarbablu