lunedì, Luglio 15, 2024
Home > Italia > Violenza di genere: in Italia vittima 1 donna su 2. Tutti i numeri dell’escalation

Violenza di genere: in Italia vittima 1 donna su 2. Tutti i numeri dell’escalation

protocollo

Violenza di genere: in Italia vittima 1 donna su 2. Tutti i numeri dell’escalation nell’ultimo studio Unicusano

La nuova infografica di Unicusano sulla violenza sulle donne in Italia analizza la situazione in cui versa la nostra nazione, studiando il fenomeno attraverso i numeri e andando ad approfondire i profili di carnefici e vittime e il funzionamento degli atti violenti

Sono sette milioni le donne ad aver subito in Italia, almeno una volta nella vita, violenza fisica o sessuale. Solamente nell’ultimo mese e mezzo sono state uccise quindici donne, ovvero una ogni tre giorni. Sono questi alcuni dei numeri preoccupanti che emergono dall’ultimo studio dell’Unicusano pubblicato in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne (25 novembre 2023).

Nella sua ultima infografica l’Unicusano approfondisce il tema della violenza di genere in Italia analizzando non solo i dati ma anche la situazione in cui versa la nostra nazione, andando ad approfondire i profili di carnefici e vittime e il funzionamento degli atti violenti.

Si scopre così che una donna su due è stata vittima di violenza fisica (20,2%) o di violenza sessuale (21%) o di stupro (5,4%), mentre una su cinque ha subito molestie di natura sessuale (18,9%). Rispetto all’anno precedente, nel 2023 è stato registrato un aumento di casi di donne uccise all’interno delle mura domestiche (82 casi), elevando così il numero totale di chi ha perso la vita a 101. Dolorosa è quindi la consapevolezza che circa l’80% delle violenze si verifica tra le mura domestiche, di cui poco più del 50% per mano di partner o ex partner. Numeri inevitabilmente triplicati nel periodo del Covid, in cui, a fianco del virus, si è fatta strada la cosiddetta Pandemia Ombra che ha interessato il 77% delle donne europee. La percentuale di casi denunciati supera il 50% in tutti i Paesi con un incremento preoccupante in Grecia (93%), Portogallo (90%) e Italia (84%).

Analizzando i casi di omicidio volontario in Italia, l’infografica dell’Unicusano lancia un allarme, mettendo in evidenza come il fenomeno stia assumendo aspetti preoccupanti: dal 2020 a oggi si registra un aumento sensibile delle vittime: se nel 2020 sono state 287, nel 2022 sono salite a 324. Pubblicando poi i numeri nel periodo gennaio-novembre, emerge come se nel 2022 erano 265 casi accertati, nel 2023 sono saliti a 282. E le donne? Anche qui i dati non sono incoraggianti: lo studio certifica come dalle 119 vittime del 2020 si sia passato alle 127 nel 2022. In quell’anno, nel periodo gennaio-novembre, furono uccise 97 donne, numero che sale a 101 nel 2023.

Oltre i numeri e i dati

Nell’infografica l’Unicusano sottolinea come sia soffocato il grido di allarme, sempre più preoccupato e preoccupante, delle donne che, ancora oggi, temono il giudizio della società e le ripercussioni del proprio aguzzino e che, sottovoce, imparano, ogni giorno di più, a chiedere l’aiuto di cui hanno bisogno, l’aiuto che le famiglie, gli affetti, la comunità, lo Stato gli devono.

Sì, perché se è vero che, oggi, grazie alla Convenzione di Istanbul, l’atto di violenza sulle donne è riconosciuto a tutti gli effetti come crimine contro l’umanità, fino al 1981 era il delitto d’onore a farla da (padre) padrone, mistificando il ruolo della donna e adducendo a giustificazioni pericolose e di stampo patriarcale per gli atti di violenza, fino a quel momento riconosciuti e accettati dal popolo e da chi governava il Paese.

Il tema della violenza sulle donne non dovrebbe conoscere colori politici né discriminazioni di sorta, eppure ci sono voluti 32 anni per arrivare a questo risultato, passando per le prime collaborazioni con i centri antiviolenza (2001), l’inasprimento delle pene per violenza sessuale e l’introduzione del reato di stalking (2009). Una strada che è ancora lunga la strada da percorrere.

“È “violenza contro le donne” ogni atto di violenza fondata sul genere che provochi un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica che in quella privata” questo recita l’art. 1 della Dichiarazione Onu sull’eliminazione della violenza contro le donne, emanata nel dicembre del 1993, questo è ciò che, ancora, la maggior parte delle donne italiane stenta a comprendere. Lo dimostrano i dati: poco più della metà delle vittime non denuncia il suo carnefice e non lo fa perché, come spiega la psicologa e psicoterapeuta Erica Pugliese, affoga in un rapporto di dipendenza affettiva dal quale non può e non vuole riconoscere i sintomi della propria condizione.


Tensione, esplosione, luna di miele: sono queste le fasi della violenza, che si ripresentano con lo stesso modus operandi in tutte le coppie in cui vige la presenza di un aguzzino.

Le conseguenze del silenzio, però, sono devastanti. Da un lato fisiche e dolorose, dall’altro psicologiche e subdole. Dal disturbo da stress post traumatico alla depressione, dai problemi cardiaci al sanguinamento vaginale (in caso di abusi sessuali).

Non si diventa assassini il giorno in cui si commette un delitto, ha dichiarato il dottor Paolo Crepet in un’intervista. Ed è vero. Il profilo del carnefice tipo non è chiaro e standardizzato, ma presenza fattori comuni che possono fungere da campanello d’allarme nella potenziale vittima: scarsa autostima, tratti antisociali di personalità, manie manipolatorie, ossessione per i ruoli di genere.

È quest’ultima, invece, a non riconoscere ceti sociali o gerarchie: da un lato vulnerabili e facenti parte di minoranze, dall’altro in carriera e dal carattere forte. Non ha importanza la provenienza: più sarà difficile la sfida dell’addomesticamento, più sarà vista attrattiva dagli occhi del carnefice.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net