sabato, Febbraio 24, 2024
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Le Iene presentano: Inside” del 7 dicembre 2023 alle 21.15 su Italia 1: viaggio nella Ndrangheta

Anticipazioni per “Le Iene presentano: Inside” del 7 dicembre 2023 alle 21.15 su Italia 1: viaggio nella Ndrangheta

le iene

 Anticipazioni per “Le Iene presentano: Inside” del 7 dicembre 2023 alle 21.15 su Italia 1: viaggio nella Ndrangheta Giovedì 7 dicembre, in prime-time su Italia1, torna “Le Iene presentano: Inside”, il programma di Davide Parenti dedicato ad argomenti trattati in precedenza da Le Iene raccontati e approfonditi con ulteriori dettagli ed elementi inediti.
 
Il quinto appuntamento dal titolo La ’Ndrangheta”, condotto da Giulio Golia, è un viaggio-racconto scritto da Francesca Di Stefano in cui si descrive una delle quattro mafie presenti sul nostro territorio.

L’inviato, partendo da piccoli paesini nel cuore dell’Aspromonte fino al Sud America, ha raccolto le testimonianze esclusive di Antonio Nirta, detto ‘Due nasi’, Giovanni Morabito, nipote del boss al 41bis Giuseppe Morabito, detto ‘Tiradritto’, e di Jhon Jairo Velásquez Vásquez, detto Popeye, narcotrafficante braccio destro di Pablo Escobar. Intervengono anche Roberto Saviano, l’on. Federico Cafiero De Raho, ex procuratore nazionale antimafia, Nicola Gratteri, ex procuratore capo di Catanzaro e oggi procuratore capo di Napoli.
 
La ’ndrangheta è ritenuta una delle organizzazioni criminali italiane più potenti che, negli anni, è diventata una vera e propria multinazionale del crimine con interessi e affari in tutto il mondo. All’interno della puntata in onda domani, Giulio Golia evidenzia alcune operazioni della ’ndrangheta, come ad esempio il traffico di rifiuti tossici e radioattivi impastati nel cemento che potrebbero aver portato alcuni territori della Calabria a una seconda terra dei fuochi e alla distruzione dei nostri mari.  Alle telecamere della trasmissione alcuni abitanti di Africo, cittadina in provincia di Reggio Calabria, raccontano dell’elevato tasso di tumori nel loro comune. L’inviato ripercorre anche la vicenda dei cugini Squillacioti. I due, durante una battuta di pesca, avrebbero rinvenuto una palla di fango che, presa tra le mani, avrebbe provocato loro un forte prurito. Entrambi poi sono deceduti per leucemia mieloide, una malattia che colpisce in Italia due persone ogni centomila, con un unico fattore di rischio: l’alta esposizione a radiazioni. 
 
Infine, si racconta della ’ndrangheta costituita da monopolisti del narcotraffico e delle sue infiltrazioni nel mondo imprenditoriale, ricordando però che la Calabria è anche un territorio meraviglioso fatto di cittadini onesti.

Le Iene è un programma televisivo italiano di genere informazione, approfondimento e cronaca, della VideoNews in diretta su Italia 1 dal 22 settembre 1997.

Il programma, curato e prodotto dalla testata giornalistica italiana Videonews, è nato da un’idea di Davide Parenti come versione italiana del programma televisivo argentino Caiga quien caiga, inizialmente era orientato verso una dimensione provocatrice, nel corso del tempo ha dato sempre più spazio a servizi di denuncia, spesso sfociati nell’inchiesta. Il programma, tuttavia, è diventato spesso oggetto di controversie per il modo sensazionalistico con cui vengono realizzati molti servizi.

L’obbiettivo del programma sono gli inviati, le cosiddette iene, che solitamente realizzano autonomamente i propri reportage per proporli a Davide Parenti, autore e coordinatore dell’intero programma. Nel corso delle stagioni, molte iene hanno poi proseguito la loro carriera televisiva diventando conduttori o personaggi di successo, come è successo per: Teo Mammucari, il Trio MedusaMaccio CapatondaFabio Canino e Nadia Toffa. Anche i conduttori del programma, che solitamente non realizzano servizi ma si limitano a lanciarli durante il programma, vengono definiti “iene”. Alcune Iene sono iscritte all’albo dei giornalisti[1].

Foto interna ed esterna: https://www.quimediaset.it/comunicati/le-iene-presentano-inside_37319.html